Alessandra Amoroso e il “mistero” della canzone di Kekko dei Modà: niente Sanremo né Amici

C’è grande attesa in vista dell’uscita del nuovo album di Alessandra Amoroso, Amore Puro, nei negozi e store digitali dal prossimo 24 settembre. L’album, come sappiamo, vede delle collaborazioni con nomi di primo livello tra cui Tiziano Ferro e Michele Canova. Il nuovo lavoro discografico della Amoroso, rappresenta il perfetto mix di alcune tematiche che sembrano stare molto a cuore alla cantante salentina, dall’amore all’amicizia, fino alle sue origini e alla famiglia.

Si va così da “Da casa mia”, pezzo scritto dalla stessa Alessandra fino a “Hell or High Water”, dove si sentirà il gospel tanto caro alla Amoroso, passando per “Starò meglio”, dove anche qui non mancheranno delle venature soul. Poi c’è anche il brano scritto per lei da Biagio Antonacci, “Non devi perdermi”, mentre  “Fuoco d’artificio” vede la firma della rivelazione inglese Emeli Sandé.

Quello che ascolteremo tra pochi giorni, dunque, segna per Alessandra l’album della maturità, realizzato nel giro di un anno tra Milano e Los Angeles. uscirà in una duplice versione: Standard e Deluxe Edition, quest’ultima con CD e DVD. Nello specifico, il DVD includerà alcune riprese inedite relative alla registrazione dell’album, un’intervista ad Alessandra e il backstage e il video di “Amore Puro”. In attesa dell’uscita di Amore Puro, Alessandra si è concessa ad un’interessante intervista a TgCom24, nel corso della quale ha esordito parlando proprio di “Difendimi per sempre”, un pezzo d’amore molto intenso.

“Mi sono sempre sentita una interprete delle parole scritte dagli altri e cerco di dare tutta me stessa affinché la gente, attraverso me, riviva delle emozioni. La prima volta che ho ascoltato la canzone con Tiziano ero in preda al delirio. Per me la difficoltà è stata doppia: dovevo cantare su un provino di uno dei cantautori più bravi e poi perché dovevo interpretare quelle parole meravigliose…”, ha dichiarato.

Tanti i consigli utili ricevuti da Tiziano, come quello, ad esempio, di cantare con il giusto distacco per non farsi travolgere dall’eccessiva emozione. “Da casa mia” è invece il brano che la incorona anche autrice: “Un giorno ero in sala di registrazione con Michele Canova e Tiziano, abbiamo ascoltato questa base, improvvisamente abbiamo ‘sentito’ sapore di casa nostra. Così Tiziano mi ha assegnato un compitino, ossia scrivere quello che mi veniva in mente pensando a casa mia”.

In uno dei nostri articolo dedicati ad Alessandra, ci eravamo domandati come mai mancasse nella tracklist del nuovo album il brano scritto da Kekko dei Modà, “Il solo al mondo”, ipotizzando così una sua possibile presenza sul palcoscenico dell’Ariston in occasione della prossima edizione di Sanremo. Alessandra interviene spiegandoci l’arcano: “E’ una bellissima canzone che ho avuto l’onore di cantare. Ci sarà ma in un altro mio progetto discografico”. E su Sanremo: “Per ora penso a domani e al cd nuovo”.

Quali novità devono invece attendersi i suoi fans in vista del nuovo tour? “Di certo ho in mente molte sorprese per i due concerti anteprima il 3 dicembre al MediolanumForum di Assago (Milano) e il 5 al Palalottomatica di Roma. Sorprese semplici e speciali”, dice.

Infine, in vista di una sua possibile partecipazione al prossimo serale di Amici in qualità di Direttore Artistico, come lo è stata Emma lo scorso anno, la Amoroso conclude: “Lo dico dal basso della mia esperienza, non credo di non poter essere ancora in grado di poter ricoprire quel ruolo così importante ed impegnativo. Ho ancora molte cose da imparare”. Mentre per quanto riguarda la sua possibile presenza sul palco di Gianni Morandi il 7 e l’8 ottobre all’Arena di Verona la cantante ammette le piacerebbe molto esserci.

Seguici e condividi!

Emanuela Longo Author

Classe 1984, nata a Lecce. Dopo la mia formazione in Media e Giornalismo all’Università di Firenze, ho acquisito esperienze tra Milano e Palermo per poi fare ritorno in Salento. Nasco sul web come blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *