Perché Serena Grandi ha problemi con la giustizia? Bancarotta ed altri guai

27/09/2020 di Valentina Gambino

Serena Grandi

Serena Grandi è decisamente nei guai. Dopo la malattia che l’ha colpita successivamente alla partecipazione al Grande Fratello Vip e la rapina subita in casa, l’attrice è nuovamente coinvolta in un caso giudiziario: cosa è accaduto?

Perché Serena Grandi ha avuto problemi con la giustizia?

Serena Grandi è stata condannata dal Tribunale di Rimini a due anni e due mesi di reclusione per il fallimento del ristorante della “Locanda di Miranda” a Borgo San Giuliano di Rimini, aperto nel 2013 e chiuso nel 2015. Ha appreso della condanna dai giornali, ed è decisa a ricorrere in appello, così come svela intervistata da Repubblica:

Sono senza parole, non mi do pace per l’accanimento nei miei confronti. Sono basita, scossa, non riesco davvero a comprendere. Non capisco cosa c’entrano le cose della mia casa a Roma, in via Archimede ai Parioli, con il fallimento del ristorante. È una giustizia così contorta.

Non è la prima volta che Serena si trova a fare i conti con la giustizia, era successo anche nel 2003, quando è finita in manette risultando coinvolta in un caso di droga e poi prosciolta prima dell’inizio del processo. All’accusa di sottrazione dei beni della società Serena Grandi replica:

Sa di cosa si tratta? Del letto di mio figlio, che tra l’altro ci teneva moltissimo perché era un regalo di suo padre e ancora se ne dispiace, di piatti e padelle che non erano del ristorante ma della mia casa di Roma, quando facevo le cene, e di uno stendino per i panni. Ci sono le foto a provarlo.

L’attrice e opinionista di Barbara d’Urso respinge anche le accuse sulla sparizione dei libri contabili e i mancati pagamenti ai dipendenti. Il fallimento del ristorante, racconta Serena Grandi, è conciso con l’uscita de La Grande Bellezza, film premio Oscar di Paolo Sorrentino in cui lei recita un piccolo ruolo:

La gente ha smesso di venire a cena da noi. Sarebbe stato il mio addio al cinema, è diventato l’addio al ristorante. Non si possono nemmeno raccontare le cattiverie che mi sono state inflitte.

La Grandi, in ultimo, svela di aver perso tutti i risparmi di una vita:

700mila euro. Ho appena ultimato a Ferrara il film di Pupi Avati, “Lei mi parla ancora” dal libro di Giuseppe Sgarbi, papà di Elisabetta e Vittorio. È il terzo film con Pupi, lui e Antonio sono la mia seconda famiglia. Nel film sono la nonna di Vittorio, una donna dalla forza incredibile.

Blogger e social addicted. Scrivo di televisione, gossip, cinema e musica. Amo le serie TV, sono dipendente dalla mia barboncina Zooey e vivo in Salento tra sole, mare, vento, amore e arcobaleni.

COMMENTI