Isola dei Famosi 2019, naufraghi ufficiali: da Taylor Mega ad Alvin, Luca Vismara e Demetra Hampton

20/01/2019 di Valentina Gambino

Nuovi naufraghi de L’Isola dei famosi 2019 sono stati ufficializzati via social. In Honduras sono pronti a sbarcare Alvin, Demetra Hampton, Taylor Mega e Luca Vismara. Alberto Bonato (in arte Alvin) è famoso al grande pubblico per essere stato in passato inviato del reality, mentre Taylor è una seducente influencer nota per i flirt con Sfera Ebbasta e Tony Effe della Dark Polo Gang.

Isola dei Famosi 13, i naufraghi ufficiali

Ad Alvin e Taylor Mega si aggiungono Luca Vismara, cantante uscito da Amici (che ha appena pubblicato un nuovo singolo dal titolo emblematico Isola) e l’ex sexy Valentina (nella serie tv ispirata al fumetto di Crepax), Demetra Hampton.

L’Isola dei Famosi 2019 si sta popolando. I nomi che sono stati finora ufficializzati sono quelli del judoka Marco Maddaloni, delle sorelle Viktorija e Virginia Mihajlovic (figlie del calciatore), del modello Aaron Nielsen (figlio dell’icona sexy degli anni Ottanta, Brigitte Nielsen), dell’ex calciatore Abdelkader Mohamed Ghezzal, dell’attore Kaspar Capparoni (“Commissario Rex”), della cantante anni Ottanta Jo Squillo e della “gatta morta” Marina La Rosa, concorrente del primo storico Grande Fratello.

Il cast dell’Isola dei Famosi 2019

Ad affiancare Alessia Marcuzzi, in vesti di opinioniste, saranno due donne: Alba Parietti e Alda D’Eusanio. L’inviato in Honduras è invece Filippo Nardi. Proprio ieri, intervistato da Silvia Toffanin durante Verissimo, ha confermato che sarà l’unico protagonista del suo ruolo e che non ci saranno televoti o cose di questo tipo: “Vorrei smentire la voce che vorrebbe un televoto fra me ed un naufrago per il ruolo di inviato, non ci sarà niente. Io sono l’unico inviato, i naufraghi saranno i naufraghi”.

Giornalista e social addicted. Scrivo di televisione, gossip, cinema e musica. Amo le serie TV, sono dipendente dalla mia barboncina Zooey e vivo in Salento tra sole, mare, vento, amore e arcobaleni.

COMMENTI