Che tempo che fa, puntata di domenica 19 gennaio: Pif e Stefano Rodotà tra gli ospiti

Stasera andrà in onda un nuovo appuntamento con Che tempo che fa, il talk show condotto da Fabio Fazio si aprirà con lo scrittore e saggista Roberto Calasso, da sempre Presidente e Direttore editoriale della prestigiosa casa editrice Adelphi. Il dibattito sulla riforma elettorale e l’attualità politica saranno al centro dell’incontro con Stefano Rodotà, giurista e professore emerito di Diritto Civile presso l’Università degli Studi La Sapienza di Roma, tra gli autori della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea.

Caterina Chinnici, magistrato dal 1979 e attuale Capo del Dipartimento per la Giustizia minorile del Ministero della Giustizia, discuterà con il conduttore del suo libro È così lieve il tuo bacio sulla fronte –  Storia di mio padre Rocco, dal 2 gennaio in libreria. Il 19 gennaio è la data di nascita di due grandi magistrati assassinati, Rocco Chinnici, appunto e Paolo Borsellino, per l’occasione Che tempo che fa si collegherà con il Teatro Biondo – Stabile di Palermo dove saranno presenti, tra gli altri, Rita Borsellino e il duo Ficarra & Picone mentre in studio, interverrà, Pierfrancesco Diliberto (Pif), autore, regista e protagonista del film La mafia uccide solo d’estate.

Come al solito, l’appuntamento cult con Luciana Littizzetto ci aspetta puntale come sempre per concludere una serata già ricca di eventi e ospiti interessanti. L’attrice, presentatrice e comica, come sempre commenterà nella sua maniera irriverente ed ironica i fatti più interessanti e curiosi avvenuti durante il corso della settimana appena trascorsa.

La buonanotte da Torino di Massimo Gramellini completerà questo nuovo appuntamento di Che tempo che fa che si concluderà alle 22.30.

Seguici e condividi!

Valentina Gambino Author

Giornalista e social addicted. Scrivo di televisione, gossip, cinema e musica. Amo le serie TV, sono dipendente dalla mia barboncina Zooey e vivo in Salento tra sole, mare, vento, amore e arcobaleni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *