Sanremo 2014, da oggi in vendita i biglietti: dove e come acquistarli

La 64esima edizione del Festival di Sanremo si avvicina sempre di più e, a quasi un mese dall’esordio, previsto per il prossimo 18 febbraio, e che vedrà ala conduzione anche quest’anno per la seconda volta consecutiva l’affiatata coppia formata da Fabio Fazio e dall’amica Luciana Littizzetto, c’è già chi è alla ricerca dei fatidici (e costosi) biglietti per poter assistere dal vivo, direttamente dal Teatro Ariston di Sanremo, alla celebre manifestazione canora italiana per eccellenza. Da oggi, giovedì 9 gennaio 2014, si apre la prevendita per accaparrarsi l’ambito biglietto che aprirà le porte del celebre teatro.

Ma quanto costano gli abbonamenti per poter assistere alle 5 serate dedicate al Festival della canzone italiana, in scena dal 18 al 22 febbraio 2014? E soprattutto, dove sarà possibile rivolgersi per acquistarli? A seguire, cercheremo di rispondere ad ogni vostro quesito. Innanzitutto, le richieste di prenotazione che riguarderanno unicamente il pacchetto in galleria andranno inoltrate al Teatro Ariston, tel 0184-591008, fax 0184 – 522371 con il seguente orario: 10-13 e 15-19.

Relativamente al prezzo degli abbonamenti, fissato d’intesa con il Comune di Sanremo, questo sarà di €672,00 ed è rimasto invariato rispetto all’ultimo quadriennio. I biglietti per le singole serate, invece, si potranno acquistare solo in caso di abbonamenti invenduti direttamente presso i botteghini del Teatro Ariston a partire dal giorno 13 febbraio 2014 ai seguenti prezzi: platea (settore unico) per le prime 4 serate € 180,00 ciascuna e per la 5° € 660,00; per il settore galleria, le prime 4 serate €100,00 ciascuna e per la 5°, € 320,00.

Seguici e condividi!

Emanuela Longo Author

Classe 1984, nata a Lecce. Dopo la mia formazione in Media e Giornalismo all’Università di Firenze, ho acquisito esperienze tra Milano e Palermo per poi fare ritorno in Salento. Nasco sul web come blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *