Rex, stasera su RaiDue al via la quarta serie: la tragica fine del Commissario Fabbri

La prima serata odierna di RaiDue, sarà caratterizzata dai primi due episodi della quarta serie di Rex, in prima visione assoluta, nel corso della quale il personaggio interpretato dall’attore Kaspar Capparoni sarà vittima di una tragica fine, con la sua morte in seguito ad un’esplosione. La serata dedicata alla serie tv poliziesca, in compagnia del cane più amato del piccolo schermo, prenderà il via a partire dalle ore 21:10 circa; andiamo quindi a conoscere cosa accadrà nei primi due episodi in programma per la prima serata odierna.

Il primo episodio prende il titolo di Ombre: nel cantiere di un palazzo in costruzione vengono trovate alcune ossa umane. Il Commissario Fabbri scopre che appartenevano ad Alessandro Solferino, figlio di Vittorio, proprietario di una multinazionale nel campo farmaceutico. Il ragazzo era stato vittima di un rapimento diversi anni prima e la Polizia non riuscì a ritrovarlo. Intanto in Commissariato arriva il nuovo Ispettore, Alberto Monterosso, che sostituisce il partente Morini. Fabbri va a parlare con Solferino, che attacca la Polizia per il ritardo nel ritrovamento delle ossa del figlio.

Nel frattempo, Antonio Genovese, braccio destro di Solferino, viene affiancato a Fabbri e ai suoi per far luce sul mistero del rapimento e della morte di Alessandro. Riaprendo anche il caso di una donna, Elena Maggio, morta in circostanze sospette nei giorni seguenti la scomparsa di Alessandro Solferino, Fabbri comincia a sospettare che i due casi siano collegati. Fabbri scopre che Elena Maggio si prostituiva. Tra i suoi clienti abituali c’era proprio Vittorio Solferino. Quando la donna rimase incinta di lui, cominciò a telefonargli, a ricattarlo. Voleva che l’uomo riconoscesse la creatura che lei portava in grembo.

Secondo Fabbri, è quello il motivo per cui la donna è stata uccisa. Il Commissario si confronta con Genovese, che tenta di ucciderlo. Fabbri lo arresta e Genovese confessa tutto. E’ stato lui ad uccidere Elena Maggio su richiesta diretta di Vittorio Solferino. Suo figlio Alessandro è stato ucciso solo perché aveva visto tutto. Ma nessuno, oltre a Genovese stesso, l’ha mai saputo.

Nel secondo episodio dal titolo In mezzo ai lupi, quando un ragazzo che lavora in un deposito containers viene ucciso da dei professionisti, Fabbri e i suoi sospettano che il ragazzo fosse uno dei basisti del clan di Antonio Semeria, un noto delinquente locale. A far uccidere il ragazzo, in effetti, è stato il grande rivale di Semeria, Donato Tramontana, malato di diabete e che ha un cane addestrato per diabetici.

Gli uomini di Semeria si vendicano prontamente. Uccidono il cane di Tramontana e rapiscono la figlia di un addestratrice di cani che in quei giorni sta insegnando dei nuovi trucchi a Rex. Fabbri parla con la donna, la quale spiega che chi le ha rapito la figlia vuole che lei consegni a Tramontana un cane non addestrato per diabetici così che lui muoia non appena avrà un calo glicemico. Il Commissario Fabbri ha una soluzione. Mandare Rex sotto copertura da Tramontana, addestrandolo però il più velocemente possibile per essere al livello di un cane per diabetici.

In questo modo la Polizia potrà tenere sott’occhio Tramontana, che non morirà, e l’addestratrice potrà riavere indietro la propria figlia. Purtroppo le cose si complicano quando Tramontana scopre che Rex è un cane poliziotto. Ma decide di tenerselo per qualche altro giorno, dopo che Rex gli salva la vita in occasione di un calo glicemico. Nello showdown, gli uomini di Semeria cercano di uccidere Tramontana ma Rex lo salva. Tramontana viene arrestato. Tutto sembra essere tornato a posto. Nel finale, Fabbri torna dall’addestratrice per controllare che la donna e la figlia stiano bene. Salendo in macchina, però, una bomba piazzata sotto il veicolo esplode, uccidendo sul colpo il Commissario.

Seguici e condividi!

Francesca Tordo Author

Appassionata del gossip italiano e non solo. Mi piace scrivere di fiction e anticipazioni Tv.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *