Wild – Oltrenatura prossimo alla chiusura. L’ENPA contro Bear Grylls

 

Wild – Oltrenatura, è a rischio. Questo si apprende da una nota diffusa dall’ENPA (Ente Nazionale Protezione Animali) che, in seguito alle reiterate critiche avanzate dagli animalisti ma anche dai telespettatori, ne ha chiesto la sospensione.
La colpa, sarebbe tutta da attribuire a Bear Grylls, protagonista di Wild, la trasmissione di Italia 1, ma anche di Ultimo Sopravvissuto, in onda su Discovery Channell. Le sue avventure al limite dell’impossibile, lo portano spesso a trovarsi faccia a faccia con la natura ed i suoi abitanti. E fin qui nulla di strano, se non fosse che, il buon (?) Bear (strano gioco del destino, il suo, che pur avendo un nome che tradotto significa “orso”, sembra avere poco di amichevole con gli animali), si cimenta spesso in veri e proprio scontri all’ultimo sangue con gli animali con cui ha, di volta in volta, a che fare, avendone sempre la meglio.

Ora una colonia di chirotteri, fumigata nel suo rifugio e massacrata con una “racchetta” improvvisata; ora un povero varano, scaraventato contro un albero e sgozzato davanti alle telecamere. Né manca un episodio in cui questo personaggio, per dare prova di ardimento e sagacia sviscera la carcassa di un dromedario per poi utilizzarla come riparo notturno. Ovviamente l’intera operazione è seguita dall’operatore video, al quale Bear Grylls esibisce gli organi del povero animale con compiaciuto, morboso sadismo,

denuncia l’ENPA.

Ma ciò che viene sottolineato nella nota, non si riferisce solo alla violenza gratuita e al conseguente disgusto da parte dei telespettatori i quali, ovviamente, preferiscono cambiare canale, ma anche un’ulteriore aggravante, ovvero il fatto che i due network abbiano deciso di mandare in onda i loro “documentari” in una fascia d’orario in cui anche i bambini si trovano davanti allo schermo a guardare tale scempio.

Chiediamo a Italia 1 e a Discovery Channel di cancellare immediatamente Bear Grylls dal piccolo schermo e se ciò non dovesse accadere, percorreremo tutte le vie previste dalla legge per ottenere la sospensione delle trasmissioni, e la dignità degli animali e tutelare così la sensibilità degli spettatori italiani,

ha concluso l’Ente Nazionale Protezione Animali.

Seguici e condividi!

Emanuela Longo Author

Classe 1984, nata a Lecce. Dopo la mia formazione in Media e Giornalismo all’Università di Firenze, ho acquisito esperienze tra Milano e Palermo per poi fare ritorno in Salento. Nasco sul web come blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

Comments

    JackShakur

    (9 settembre 2011 - 01:26)

    Ma Dai, io come ragazzo di 15 anni, non ho nessun problema a guardarlo, Sono bellissime le sue avventure, ci spiega soltanto come sopravvivere in messo alla natura, Ma poi quale Sadismo? Ma perché invece di rompere le palle a lui non vanno a vedere quelli che sgozzano le foche in Islanda o cacciano balene in Cina? Che mondo di merda!!

    sara

    (31 gennaio 2012 - 19:19)

    e secondo te, ragazzo di 15 anni, dov’è la differenza tra quelli cacciano le balene (in Giappone) e questo idiota che vuole fare il figo facendo vedere come uccide una lepre con una trappola?? pensi davvero che le sue ‘avventure’ siano vere?? e a parte questo..sicuramente ti tornerà utile quando un giorno ti troverai da solo in mezzo alla giungla o al deserto..si si! bah..
    hai ragione..che porogramma di merda!

    pippo

    (21 aprile 2013 - 02:59)

    Posso comprendere che Bear faccia finta nelle sue missioni e che sicuramente nessuno sopravviverebbe con quello che fa. Ma per quanto rigurda quelli della protezione animali…li lascerei per 1 mese in mezzo alla savana senza “verdurì” e boaite del genere. Vedresti come diventerebbero magicamente carnivori. Li voglio vedere davanti ad un leone che li sta per divorare e vederli immolarsi con il sorriso sulla faccia…la loro morte sarà la gioa dell’animale, quale migliore realizzazione dei loro ideali?…Diventare pasto per animali.
    Siam bravi tutti a fare gli animalisti estremi con lo stomaco pieno di insalatine light rpese al supermercato o con la macedonia di frutta accuratamente selezionata dal “fruttaro” di fiducia.

    Giorgio-BearGryllsèunaleggenda

    (18 luglio 2013 - 23:01)

    Ma che dite secondo voi Bear Grylls non sopravviverebbe nella natura???Ma fatemi il piacere, lui ci può vivere nella natura, se pensate che sia così un deficiente come mai lo hanno scelto come capo degli scout inglesi?Ma si dai è tutta un c******a pure che ha scalato l’Everest ed è stato l’uomo più giovane a farlo,ma si sono tutte balle; basta che diciamo che è un deficiente e ammazza gli animali per sentirsi “figo” e allora siamo tutti naturalisti, ma prima di dire queste cose diventa vegetariana/o a vita, e poi pure se lo sei non rompere a Bear che mangia gli animali, perchè non c’è nessuna differenza ammazzare un cinghiale o quello che ti pare oppure andare a comprare la carne al supermercato.E poi lui secondo voi si diverte a mangiare cavallette,vermi,bruchi,uova già fecondate,ragni,scarafaggi,formiche,serpenti ecc.? Oppure lo fa per uno scopo? Non pensate che magari lo fa perchè il programma è totalmente a scopo informativo e pure se non costruisce qualcosa lui, o non fa proprio tutto lo scopo sarà sempre lo stesso: insegnare come si fa a sopravvivere!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *