Paola Caruso svela: “Barbara d’Urso sarà la madrina di Michelino, le devo tutto!”

30/08/2019 di Valentina Gambino

Paola Caruso e Barbara d'Urso

Paola Caruso ha rivelato tramite una intervista rilasciata a Nuovo, la sua decisione: Barbara d’Urso sarà la madrina del figlio Michele, nato lo scorso marzo. Proprio l’ex concorrente de L’Isola dei Famosi ha fatto sapere di essere molto grata alla ruspante presentatrice napoletana, sottolineando quanto abbia fatto per lei, specie nell’ultimo anno a questa parte. Ed infatti, come ben sapete, proprio grazie a Carmelita, l’ex Bonas ha anche avuto modo di conoscere la sua madre biologica.

Barbara d’Urso madrina del figlio di Paola Caruso

“Ci tengo a ringraziare una persona speciale: Barbara d’Urso. Le devo tutto: è la madrina e l’angelo di mio figlio, nessuno mi è stato vicino quanto lei”, ha raccontato Paola Caruso alla rivista diretta da Riccardo Signoretti.

Attualmente non si sa quando ci sarà il battesimo di Michelino ma, proprio riguardo al piccolo, la showgirl ha dichiarato: “Michelino è fantastico. Ha trasformato le mie giornate e tutta la mia vita, non avrei potuto desiderare di più. Ho sofferto per aver fatto tutto da sola, visto che il padre non ne ha mai voluto sapere. Ma a un certo punto è scattato in me qualcosa di forte e speciale. Ho capito che io e il mio bimbo saremmo bastati a noi stessi. E ora a me interessa solo che sia felice e che stia bene”.

Da Francesco Caserta a Moreno Merlo

Nonostante la difficilissima situazione con Francesco Caserta, ex compagno e padre di Michele, Paola Caruso sta cercando di voltare pagina con Moreno Merlo. Anche se, a tal proposito, ha dichiarato di volerci andare con i piedi di piombo. “Moreno è un caro amico, ci stiamo conoscendo. Ancora è presto per sbilanciarsi. Sono mamma e preferisco andarci cauta. È una bella persona, poi si vedrà!”.

Giornalista e social addicted. Scrivo di televisione, gossip, cinema e musica. Amo le serie TV, sono dipendente dalla mia barboncina Zooey e vivo in Salento tra sole, mare, vento, amore e arcobaleni.

COMMENTI