logo

I p’ me, tu p’ te di Geolier, canzone Sanremo 2024: significato, ecco di cosa parla

di Emanuela Longo

Pubblicato il 2024-02-06

I p’ me, tu p’ te è la canzone di Geolier in gara alla 74esima edizione del Festival di Sanremo 2024. Per il giovane rapper, classe 2000, si tratta della sua prima partecipazione sul palco dell’Ariston. I p’ me, tu p’ te di Geolier: significato canzone Sanremo 2024 La canzone I p’ me, tu p’ …

Loading

I p’ me, tu p’ te è la canzone di Geolier in gara alla 74esima edizione del Festival di Sanremo 2024. Per il giovane rapper, classe 2000, si tratta della sua prima partecipazione sul palco dell’Ariston.

I p’ me, tu p’ te di Geolier: significato canzone Sanremo 2024

I p’ me tu p’ te di Geolier

La canzone I p’ me, tu p’ te di Geolier è in napoletano, scritta da D. Simonetta, P. Antonacci, E. Palumbo, M. Zocca, G. Petito, D. Totaro e F. D’Alessio. “Amadeus mi ha dato l’opportunità di partecipare con un brano in napoletano ma dico che per me arrivare a cantare all’Ariston è già una vittoria”, ha raccontato il rapper.

In merito al significato della canzone, lo stesso Geolier ha spiegato che parla del momento in cui persone comprendono sia giunto il tempo di prendersi i propri spazi:

Il pezzo è un brano up-tempo, un po’ cassa dritta. Questa canzone parla di una coppia che si ama troppo e riesce a capire che è il momento di fare I P’ Me, Tu P’ Te. 

Racconta della fine di una relazione, in un amore fatto da due estranei che si sono incontrati all’improvviso. Ecco cosa scrive Rolling Stone sul significato del brano sanremese di Geolier:

I p’me, tu p’te di Geolier esprime un’autentica forza nel panorama musicale italiano. Il titolo in napoletano, che si traduce in italiano come “io per me, tu per te”, comunica un messaggio di autodeterminazione e indipendenza. La canzone trasmette un mix coinvolgente di suoni e stili musicali, con Geolier che dimostra la sua abilità nel creare un’esperienza sonora accattivante.

QUI PER LEGGERE IL TESTO

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da RICH GUAPP’ (@geolier)

Potrebbe interessarti anche