logo

“Non riconosco le persone”, Enrica Bonaccorti choc: ecco la malattia di cui soffre

di Valentina Gambino

Pubblicato il 2020-08-21

Enrica Bonaccorti intervistata da Pierluigi Diaco durante “Io e te”, ha raccontato della malattia di cui soffre, svelando di averla resa pubblica da qualche tempo, proprio perché, a volte, le ha creato spiacevoli problemi. Enrica Bonaccorti parla della sua malattia Ho un problema preciso che ho dichiarato ultimamente. Io soffro di prosopagnosia, che cos’è? È…

article-post

Enrica Bonaccorti intervistata da Pierluigi Diaco durante “Io e te”, ha raccontato della malattia di cui soffre, svelando di averla resa pubblica da qualche tempo, proprio perché, a volte, le ha creato spiacevoli problemi.

Enrica Bonaccorti parla della sua malattia

Ho un problema preciso che ho dichiarato ultimamente. Io soffro di prosopagnosia, che cos’è? È che uno non mette insieme i nomi con le facce, io a volte non riconosco le persone, anche persone che conosco benissimo, e questi si offendono, oppure mi prendono bonariamente in giro.

È una patologia che mi fa soffrire, mi imbarazza. Se devo andare a una premiere esco tesa perché so già che ci sono tutti che mi riconoscono dopo 50 anni di lavoro e io no, e invece magari li amo vorrei dirglielo. Una volta grazie a Dio ho parlato a uno bene di lui ma non sapevo che era lui!

Enrica Bonaccorti, icona dello spettacolo italiano, attrice di prosa, ma anche conduttrice televisiva e radiofonica, si è raccontata da Pierluigi Diaco nel salotto di Io e te, nella puntata andata in onda ieri, giovedì 20 agosto su Rai 1. La donna ha ripercorso con il padrone di casa le tappe fondamentali della sua carriera, una lunga strada artistica che l’ha vista impegnata nei progetti più disparati, parlando anche della malattia di cui soffre.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Tra poco su @raiunofficiall ☺️ . . #tv #interview #ioete #pierluigidiaco #raiuno #trapoco

Un post condiviso da Enrica Bonaccorti Official (@enricabonaccortiofficial) in data:

Potrebbe interessarti anche