logo

Morte Giovanna Pedretti, Lorenzo Biagiarelli e Selvaggia Lucarelli intervengono: “Nessuna gogna”

di Emanuela Longo

Pubblicato il 2024-01-15

Anche il Tg3 si era occupato del caso di Giovanna Pedretti, la 59enne titolare del ristorante Le Vignole a Sant’Angelo Lodigiano e finita al centro di un caso mediatico dopo una recensione ricevuta al suo locale. La donna era stata criticata per il post su gay e disabili. Era stato Lorenzo Biagiarelli, compagno di Selvaggia …

Loading

Anche il Tg3 si era occupato del caso di Giovanna Pedretti, la 59enne titolare del ristorante Le Vignole a Sant’Angelo Lodigiano e finita al centro di un caso mediatico dopo una recensione ricevuta al suo locale. La donna era stata criticata per il post su gay e disabili. Era stato Lorenzo Biagiarelli, compagno di Selvaggia Lucarelli, tra i primi a sollevare i dubbi sulla veridicità della recensione. 

Morte Giovanna Pedretti, parlano Lorenzo Biagiarelli e Selvaggia Lucarelli 

Selvaggia Lucarelli e Lorenzo Biagiarelli

Giovanna Pedretti, scomparsa nella mattina di domenica 14 gennaio e per la quale il marito aveva presentato denuncia, ieri pomeriggio è stata rinvenuta senza vita. Il corpo è stato trovato a pochi metri dalla sua auto nelle acque del fiume Lambro. Non si esclude il gesto estremo.

L’ipotesi è che possa esserci un collegamento con il caso della recensione e quanto accaduto negli ultimi giorni, ma le indagini sono in corso e non si escludono altri risvolti, tra cui – come scrive Repubblica – la triste ricorrenza degli ultimi giorni, del fratello che 13 anni fa si tolse la vita in un autolavaggio del Lodigiano.

Sul caso, nelle passate ore, è intervenuto via social anche Biagiarelli, a sua volta investito da una tempesta social. Lo chef ha pubblicato su Instagram una Storia ed un post (quest’ultimo poi rimosso, presumibilmente proprio a causa dei commenti durissimi ricevuti):

Mi dispiace moltissimo della morte della signora Giovanna e il mio pensiero va alla sua famiglia. Mi dispiace che pensiate che la ricerca della verità possa avere queste conseguenze. Ci tengo a respingere con forza le accuse di “odio sociale” e “shitstorm” …. vi invito solo a riflettere sul concetto di verità […] Se ogni persona che tenta di ristabilire la verità in una storia… dovesse temere questo epilogo a quel punto dovremmo chiudere tutto, giornali e social. I messaggi di odio che mi scrivete sono quelli sì in grado di far compiere un gesto estremo.

Ad intervenire è stata anche Selvaggia Lucarelli che sulla vicenda ha commentato:

Si sta parlando di gogna ma di fatto non c’era manco stata questa gogna di cui si sta parlando sui social. Temo quindi che si sappia troppo poco dei pregressi, della storia personale. Come sempre del resto. E i pregressi – drammatici – purtroppo ci sono, ma non è il momento di parlarne.

Potrebbe interessarti anche