Miguel Bosè contro le mascherine: mamma morta per il Coronavirus, ora appoggia i No-Mask – VIDEO

17/08/2020 di Emanuela Longo

Miguel Bosè dalla parte dei No-Mask, ovvero coloro che non supportano l’uso della mascherina come dispositivo atto a limitare la diffusione della pandemia da Coronavirus. Sta facendo discutere la presa di posizione dell’artista che si è schierato con chi fa parte della “Resistenza”, manifestazione pacifica organizzata a Madrid contro le misure anti-Covid introdotte dal capo del governo Sanchez dopo l’impennata dei casi di Coronavirus in tutto il Paese.

Miguel Bosè contro le mascherine

Miguel Bosè

Miguel Bosè ha quindi pubblicato sui suoi canali social un video per richiamare i giovani alla “Resistenza” e dando appuntamento alla manifestazione:

Se vedete un movimento strano, non lasciarti coinvolgere, siamo pacifisti, andrà tutto bene, io sono la Resistenza.

A scendere in piazza, secondo fonti del governo spagnolo citate da El Pais e riprese da AdnKronos, sono state 2500 persone circa che ieri si sono ritrovate per una sola ora durante la quale si è protestato contro le nuove misure restrittive adottate in seguito alla nuova impennata di casi di Coronavirus in Spagna. La protesta andata in scena a Plaza Colon. I manifestanti, ovviamente, non indossavano la mascherina.

“Non abbiamo paura”, “Vogliamo vedere il virus”, “Libertà, libertà”, “E’ il 5G che uccide la gente”, sono alcuni degli slogan intonati dai manifestanti che hanno firmato un manifesto “contro la falsa pandemia”, nel quale viene anche negata la possibilità di trasmissione del virus da parte degli asintomatici.

A marzo la morte di Lucia Bosè per Coronavirus

Era stato lo stesso Miguel Bosè, con un post social dello scorso 23 marzo, ad annunciare la morte della madre Lucia Bosè. L’attrice, come aveva riferito El Pais, era scomparsa all’età di 89 anni a causa delle complicanze legate al Coronavirus che aveva contratto.

Classe 1984, nata a Lecce. Blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

COMMENTI