Dayane Mello sbotta (ed ha ragione): dito medio contro chi l’accusa dopo il lancio del suo progetto – VIDEO

22/06/2021 di Valentina Gambino

Dayane Mello

Dayane Mello sbotta contro i blog italiani a meno di 24 ore dal lancio del suo nuovo progetto che l’ha vista parte attiva fin dalle prime battute. Per la precisione la modella brasiliana ha fatto riferimento ad un paio di blog che hanno tirato in ballo Mario Balotelli.

Dayane Mello sbotta: dito medio contro i blog che l’accusano dopo il lancio del suo progetto

I siti in questione hanno parlato di possibili implicazioni da parte di Mario Balotelli per il lancio del progetto di Dayane Mello, sminuendo – di fatto – il suo potere imprenditoriale.

Anche Dayane non ha accettato queste illazioni ed ha risposto su Instagram con una serie di storie, dito medio compreso.

Secondo questi siti, la ex concorrente del Grande Fratello Vip, avrebbe prodotto questa linea di cosmetici con un’azienda di Brescia, guidata dall’imprenditore Antony Uberti, amico d’infanzia del calciatore Mario Balotelli.

Gli articoli in questione, non me ne voglia nessuno, evidenziano un brutto sottotesto che la stessa Dayane ha sottolineato non accettandolo.

Sembra quasi che la Mello abbia avuto la possibilità di diffondere il suo nuovo progetto per via di una “corsia preferenziale” che, di fatto, non c’è stata e la stessa Dayane ha voluto precisarlo.

Se l’intento degli articoli era differente, mi scuso ma, nel contempo era pressoché difficile poter capire altro.

Dayane Mello fuori dal Grande Fratello Vip ha immediatamente incominciato a lavorare al suo nuovo progetto creando da zero una bella realtà imprenditoriale tutta al femminile.

Questo aspetto, personalmente, è degno di essere apprezzato in positivo e non il contrario.

La solidarietà femminile, inoltre, è una cosa preziosa che scarseggia tristemente.

Blogger e social addicted. Scrivo di televisione, gossip, cinema e musica. Amo le serie TV, sono dipendente dalla mia barboncina Zooey e vivo in Salento tra sole, mare, vento, amore e arcobaleni.

COMMENTI