logo

Bnkr44, veri nomi e fidanzate: “Governo punk” – Testo canzone Sanremo 2024

di Valentina Gambino

Pubblicato il 2024-02-06

I Bnkr44 sono un collettivo musicale italiano che ha guadagnato popolarità negli ultimi anni. Il gruppo è composto da sette membri, ognuno dei quali contribuisce in modo unico alla musica della band.  Bnkr44, veri nomi e fidanzate: chi sono i componenti del gruppo Ecco i loro veri nomi: Fares: Pietro Serafini Erin: Dario Lombardi Caph: …

Loading

I Bnkr44 sono un collettivo musicale italiano che ha guadagnato popolarità negli ultimi anni. Il gruppo è composto da sette membri, ognuno dei quali contribuisce in modo unico alla musica della band. 

Bnkr44, veri nomi e fidanzate: chi sono i componenti del gruppo

Bnkr44, veri nomi e fidanzate: "Governo punk" - Testo canzone Sanremo 2024

Ecco i loro veri nomi:

Fares: Pietro Serafini
Erin: Dario Lombardi
Caph: Marco Vittiglio
JxN: Jacopo Adamo
Faster: Andrea Locci
Piccolo: Duccio Caponi
Ghera: Manager del gruppo.

Il gruppo è noto per la sua musica innovativa e coinvolgente, che spazia dal pop al punk, e ha guadagnato una grande base di fan in Italia e all’estero.

Per quanto riguarda le loro vite personali, non si hanno informazioni specifiche sulle loro fidanzate. 

Questo potrebbe essere dovuto al fatto che i membri del gruppo tendono a mantenere la loro vita privata lontana dai riflettori. 

In termini di carriera, i Bnkr44 hanno avuto un anno di successo nel 2024, partecipando al Festival di Sanremo con il brano “Governo Punk”. 

Continuano a fare musica che risuona con i loro fan e non vediamo l’ora di vedere cosa riserverà il futuro per questo talentuoso collettivo musicale.

“Governo punk” – Bnkr44 – Testo canzone Sanremo 2024

Dammi una città, un governo punk
Sono un Dio che ha una regina da salvare
(Sotto il temporale)
Dammi la metà di un cachet da star
Un’identità, ma da cui possa scappare
(Fammi vergognare)
Parliamo da soli in una notte di prigione
Con gli occhi spalancati e le labbra di silicone
Dammi un po’ di te, un pezzo dei Blur, un locale da spaccare
(Fammi vergognare)
(Perché) in giro non c’è niente di che
In provincia la nebbia è la stessa dal 2003
Scrivo dentro un garage
La mia testa è un collage
Di canzoni e momenti tristi
Ho finito le chance
Per chiederti se
Mi porti via da me
Via da me
Via da me
Dai miei incubi e dai miei vizi
(Un, due, tre, qua-)
C’è una novità, un governo punk
L’anno che verrà me ne vado un anno al mare
(Sotto il temporale)
Stamattina io mi lavo i denti col gin
Metto i soliti jeans
Sono un nomade in un attico chic
(Ma non abitavi a Beverly Hills?)
Ti pare
Parliamo d’amore in mezzo a una rivoluzione
Ti pettini i capelli con una calibro 9
Metti un altro film, un pezzo dei Queen
Metti che finisce male?
(Ma non ci pensare)
(Perché) in giro non c’è niente di che
In provincia la nebbia è la stessa dal 2003
Scrivo dentro un garage
La mia testa è un collage
Di canzoni e momenti tristi
Ho finito le chance
Per chiederti se
Mi porti via da me
Via da me
Via da me
Dai miei incubi e dai miei vizi
Governo punk
Questa città sembra una maledizione
Restiamo qua, fermi a guardare
Un tramonto in televisione
Governo punk
Questa città sembra una competizione
Restiamo qua, fermi a guardare La nostra generazione
(Un, due, tre, qua-)
Scrivo dentro un garage
La mia testa è un collage
Di canzoni e momenti tristi
Ho finito le chance
Per chiederti se
Mi porti via da me
Via da me
Via da me
Dai miei incubi e dai miei vizi

Fonte: Sorrisi.com.

Potrebbe interessarti anche