Buffy – L’ammazzavampiri, ecco come Alyson Hannigan scoprì la chiusura dello show: “Ero devastata e shockata”

Recentemente vi avevamo parlato di una delle serie più amate negli anni ’90, Buffy – L’ammazzavampiri, che vedeva nei panni di protagonista l’attrice Sarah Michelle Gellar. Dopo essere stata trasmessa dal 1997 al 2003, la serie aveva chiuso i battenti con ampio dispiacere del vasto pubblico di appassionati che però potrebbero tornare a vedere le avventure dell’ammazzavampiri più celebre del piccolo schermo alle prese con i non-morti, in seguito ad un possibile ritorno ma questa volta al cinema (rimandiamo a questo articolo per l’approfondimento).

Proprio a proposito della chiusura della serie, a distanza di diversi anni è tornata a parlare su Entertainment Weekly uno dei personaggi che vi ha preso parte, ovvero l’attrice Alyson Hannigan, che in Buffy vestiva i panni di Willow. La chiusura dello show, per lei fu una sorta di doccia fredda, poiché la produzione decise di tenerla incomprensibilmente all’oscuro circa la decisione di chiudere definitivamente i battenti.

L’attrice infatti, ne venne a conoscenza come molti appassionati della serie proprio tramite la copertina dello stesso Entertainment Weekly che ne annunciava la chiusura. Oggi, così ricorda quel momento, certamente non uno dei suoi più felici, lavorativamente parlando: “Ero devastata, semplicemente shockata”. La scoperta, infatti, avvenne solo nel marzo del 2003.

Smessi gli abiti di Willow, Alyson ha poi preso parte nella fortunata comedy How I Met Your Mother, dove da otto anni interpreta Lily. La serie dovrebbe concludersi con la nona stagione, ma i produttori sarebbero già al lavoro per la realizzazione di uno spin-off.

Seguici e condividi!

Emanuela Longo Author

Classe 1984, nata a Lecce. Dopo la mia formazione in Media e Giornalismo all'Università di Firenze, ho acquisito esperienze tra Milano e Palermo per poi fare ritorno in Salento. Nasco sul web come blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *