Quarto Grado, puntata 27 settembre: omicidio Elisa Pomarelli, presunti abusi in Vaticano

27/09/2019 di Emanuela Longo

Quarto Grado

La trasmissione Quarto Grado torna questa sera su Rete 4 con una nuova puntata stagionale. Alla conduzione ritroveremo come sempre Gianluigi Nuzzi e Alessandra Viero che ci aggiorneranno sui casi del momento ma anche i cold case che attendono ancora la verità. Ecco di seguito quali sono le anticipazioni della seconda puntata stagionale di oggi 27 settembre e le info per poter seguire Quarto Grado anche in streaming.

Quarto Grado, anticipazioni e casi oggi 27 settembre

Nel corso della trasmissione di Siria Magri in onda stasera su Rete 4, i riflettori torneranno ad accendersi sul caso di Elisa Pomarelli, la 28enne di Piacenza uccisa dall’amico Massimo Sebastiani lo scorso 25 agosto e rinvenuta solo il 7 settembre. Dopo la confessione resa da Sebastiani agli inquirenti, rimane il giallo su una misteriosa busta ricevuta dalla ragazza la notte prima della morte. Di che cosa si tratta?

Al centro della puntata di Quarto Grado anche l’inchiesta sui presunti abusi ai chierichetti avvenuti nel Preseminario San Pio X, in Vaticano. I promotori di Giustizia hanno rinviato a giudizio per abusi sessuali don Gabriele Martinelli e l’allora Rettore dell’istituto don Enrico Radice. Adesso sarà il tribunale del piccolo Stato Oltretevere a decidere se ci siano i requisiti per celebrare un processo.

Social e streaming e replica

Quarto Grado gode anche quest’anno di un’ampia copertura social. Per la visione in streaming, basterà collegarsi al portale Mediaset o all’app ufficiale per dispositivi mobili. La medesima modalità potrà essere usata per rivedere la puntata di oggi anche in replica.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

@gianluigi.nuzzi e @alessandra.viero sono tornati! La nuova stagione di #Quartogrado è iniziata 🎥

Un post condiviso da Quarto Grado (@quartogradotv) in data:

Classe 1984, nata a Lecce. Blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

COMMENTI