Le due facce dell’amore, Nathalie Rapti Gomez: concepita a Roma, nata in Colombia, cresciuta a Palermo, tornata in Grecia

29/10/2010 di Simone Morano

Nathalie Rapti Gomez

E’ una delle protagoniste de Le due facce dell’amore, la fiction originariamente trasmessa su Canale 5 e poi spostata su La 5 per gli scarsi ascolti registrati. Nathalie Rapti Gomez, attrice greco-colombiana, interpresta Caterina, studentessa modello che si innamora di un narcotrafficante che ha il volto di Daniele Liotti. La storia personale di quest’attrice è davvero interessante.

Nata in Colombia, il Paese di sua mamma Margarita, ha vissuto quasi sempre a Salonicco, in Grecia, il Paese di suo papà Atanasius. Nathalie fu concepita a Roma, dove i suoi genitori erano venuti a studiare (lui farmacia, lei architettura). Quando avevano 19 anni si conobbero e si innamorarono, nel 1984 si sposarono.  Poi l’arrivo di Nathalie, che visse i primi anni della sua vita tra Roma e Palermo.

Come ha raccontato lei stessa a Grand Hotel,

Ho fatto l’asilo in Italia, dalle suore.

Proprio al settimanale di Orio Buffo l’attrice ha raccontato la sua vita e le sue origini, a loro volta degne di una storia da fiction.

Nella mia famiglia sono tutti medici, avvocati, professionisti. Mio nonno fu Ministro dell’Istruzione in Colombia. Quando dissi ai miei genitori che volevo diventare attrice, mi risposero che avrei dovuto impegnarmi fino in fondo, e che la disciplina è fondamentale.

Abbandonati gli studi di Farmacia che aveva intrapreso dopo essere volata in Gran Bretagna, a Londra (superò i primi esami ma capì che quella non era la sua strada), la svolta nella vita di Nathalie arrivò con tre selezioni superate al Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma, davanti a Giancarlo Giannini e Pupi Avati.

E ora noi la possiamo apprezzare nella fiction di La 5.

COMMENTI