Fiorello, aggiornamenti: condizioni stazionarie ma gravi. Parlano la figlia del pedone investito e Beppe: “Sta molto male”

Come sta Fiorello? Lo scorso 3 marzo, lo showman siciliano è stato vittima di un brutto incidente a bordo del suo scooter. A distanza di due giorni dal suo arrivo al Pronto Soccorso dell’ospedale Gemelli di Roma in codice rosso, le condizioni di salute del mattatore sarebbero stazionarie ma comunque non buone. Amnesie, nausea e vomito, tutti i sintomi dovuti al trauma cerebrale: sono queste le ultime informazioni rese note dal recente bollettino medico. Ancora in ospedale anche l’uomo investito da Fiorello e che riporta diverse fratture.

Stando alla nota stampa del Policlinico Gemelli, le condizioni di Fiorello sarebbero stazionarie ma necessitano ancora 15 giorni di osservazione. La diagnosi parla di “trauma cranico con commozione cerebrale e amnesia dei fatti derivati dal trauma, che ha causato un’importante ferita lacero contusa frontale e trauma della spalla destra”. Dal Gemelli è emerso inoltre che “Si segnala un modesto quadro di edema cerebrale con cefalea e sintomi di nausea e di vomito aggravati dall’assunzione della posizione eretta”.

In merito al pedone investito da Fiorello, Il Messaggero ha riportato questa mattina una telefonata tra Fiorello e Mario, l’uomo investito, nel corso della quale lo showman chiedeva scusa per quanto accaduto, ricevendo il suo perdono. A Pomeriggio Cinque, è intervenuta la figlia dell’uomo, la quale ha fatto una piccola rettifica: “Papà non è in grado di poter parlare con nessuno. Questa telefonata è avvenuta con me, Fiorello ha telefonato a me che ha chiesto di perdonare papà che ovviamente lo perdona per una questione di civiltà”.

Beppe Fiorello ha invece dichiarato: “Rosario sta male, sta molto male. Ovviamente noi siamo sempre in costante apprensione per il signor Mario e con i familiari. Siamo due famiglie coinvolte in un incidente, in un dolore molto grave e siamo in attesa di un miglioramento per tutti e due. Fiorello sta male, forse non si rende conto dello stato d’animo di questo momento. Lo stato confusionale e il dolore fisico è molto importante. Chiede costantemente del signor Mario, e spera che lui stia bene forse meglio di lui stesso. Non ricorda nulla dell’incidente”.

Seguici e condividi!

Emanuela Longo Author

Classe 1984, nata a Lecce. Dopo la mia formazione in Media e Giornalismo all'Università di Firenze, ho acquisito esperienze tra Milano e Palermo per poi fare ritorno in Salento. Nasco sul web come blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *