Maria De Filippi e le donne che contano in tv: “Littizzetto, Gabanelli. Io non incido”. Assente al matrimonio di Belen Rodriguez

Anche in questa nuova stagione televisiva, da poco avviata, Maria De Filippi sarà una delle protagoniste indiscusse di casa Mediaset. Esordirà questa sera con lo show Italia’s got talent, che la vede nei panni di giurata dietro al bancone insieme a Gerry Scotti e Rudy Zerbi, poi da lunedì torna nel pomeriggio di Canale 5 tenendoci compagnia con il seguitissimo programma dei sentimenti, Uomini e Donne, in attesa della nuova edizione di Amici ed ancora di C’è posta per te, quest’ultima attesa a gennaio.

“Mi pesa enormemente e riguarda solo me stessa, se vado male mi danno un calcio nel sedere, ce l’ho chiarissimo. Vai in onda quando garantisci la pubblicità, Mediaset è una tv commerciale: so che quell’azienda non è la mia famiglia. Distinguo gli affetti, quando non andrò più bene in tv penso che solo Piersilvio Berlusconi mi risponderà al telefono, perché abbiamo un rapporto. Mi parla anche dei figli”, commenta in merito la celebre conduttrice, in un’intervista a Repubblica.

Tra vent’anni, più che in tv come protagonista, la De Filippi ammette di vedersi nei panni di produttrice di programmi, mentre in merito alla tv che guarda (poca a parte The good wife e le fiction con l’amica Sabrina Ferilli), commenta: “L’informazione di Mediaset non mi piace, si potrebbe fare un bel salto di qualità: non hanno il coraggio del dibattito aperto. A volte penso che la fortuna di Santoro, Formigli, Mentana derivi da Mediaset”. Lei, quindi, avrebbe agito diversamente: “Al posto dei vertici avrei chiesto a Santoro di tornare, lasciandolo libero. Se c’era Fede non c’era bisogno di avere venti Fede. Lo stesso sbaglio che fa la sinistra quando si fissa solo con Guccini e De Gregori”.

Il concetto viene ribadito quando le si chiede un commento sulla polemica sollevata da Moreno, vincitore della passata edizione di Amici, alla festa del Pd: “La sinistra che considera i ragazzi deficienti fa un errore enorme, lo stesso di Mediaset quando fa un’informazione a senso unico: perdi credibilità. Non capiscono che De Gregori può stare insieme a Moreno, che passato e presente possono convivere. Moreno aggiunge una fetta di pubblico. Se Santoro fosse a Mediaset lo guarderebbero tutti e attaccherebbe Berlusconi dall’interno. Il Cavaliere, che è un comunicatore, è andato ovunque”.

Immancabile la domanda su Uomini e Donne: “È una trasmissione di intrattenimento non presuntuosa ma vera, ai tronisti ho rinunciato: uno fa il pizzaiolo, l’altro l’ufficiale di Marina… Ma il successo di Uomini e donne è con gli “over”, gli anziani che invece di andare in un’agenzia matrimoniale vengono a cercare compagnia in tv e si divertono”, commenta la conduttrice.

Verso la fine dell’intervista, Maria fa i nomi delle donne che davvero contano in tv, a sua detta: “Littizzetto, Gabanelli. Io ho un peso pubblicitario, ma non incido. Oggi ho conquistato credibilità, sono partita come “moglie di…”, penso sempre di dover dimostrare qualcosa”. Ed in merito al matrimonio di Belen Rodriguez, ammette di essere una delle grandi assenti a causa degli impegni lavorativi per poi commentare: “La fuga dei sacerdoti è una comica, che gliene frega delle riviste. Abbiamo un Papa che telefona alle persone a casa e questi si preoccupano dei fotografi”.

Seguici e condividi!

Emanuela Longo Author

Classe 1984, nata a Lecce. Dopo la mia formazione in Media e Giornalismo all’Università di Firenze, ho acquisito esperienze tra Milano e Palermo per poi fare ritorno in Salento. Nasco sul web come blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *