Zelig, stasera la nuova puntata: Beppe Grillo incontrerà Fabrizio Corona nella sua SocialCella

11/03/2013 di Emanuela Longo

Questa sera si rinnova, come ogni lunedì, l’appuntamento su Canale 5 all’insegna della trasmissione della risata, Zelig, condotta dal duo siciliano formato da Teresa Mannino e Mago Forest. Anche in questo nuovo appuntamento, il pubblico da casa si divertirà in vista dei nuovi sketch da parte dei vecchi volti del programma, tra cui Ale e Franz, Anna Maria Barbera, Raul Cremona e Max Pisu, oltre ai nuovi personaggi, tra i quali l’attesa maggiore sarà tutta concentrata sul nuovo numero che vedrà protagonista anche stasera Giovanni Vernia nei panni di Fabrizio Corona.

Dopo aver deciso inizialmente di abbandonare il nuovo personaggio dell’edizione dopo appena due puntate, in seguito ai repentini stravolgimenti della sua stessa vita (stiamo parlando delle vicende giudiziarie che hanno portato Corona all’arresto), Vernia ha successivamente pensato di far tornare il fortunato personaggio in vista della sua nuova vita in carcere, nello specifico nella sua cella, per l’occasione ribattezzata “SocialCella” (con tanto di adesivo che rimanda a Socialchannel). La scorsa settimana, in particolare, Vernia-Corona lo abbiamo visto alle prese con un incontro davvero speciale, quello con il papa emerito Benedetto XVI al quale aveva fatto una strana proposta (rimandiamo a questo articolo per il video).

Questa sera, nella sua SocialCella, Corona incontrerà invece Beppe Grillo, il personaggio politico del momento, con un grosso problema da risolvere. Riuscirà Giovanni-Fabrizio ad aiutarlo? Lo scopriremo solo stasera nel corso del nuovo appuntamento con Zelig, in partenza sulla rete ammiraglia Mediaset a partire dalle ore 21:10 circa.

Classe 1984, nata a Lecce. Dopo la mia formazione in Media e Giornalismo all'Università di Firenze, ho acquisito esperienze tra Milano e Palermo per poi fare ritorno in Salento. Nasco sul web come blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

COMMENTI