Will Smith choc: “Mio padre mi picchiava ma oggi non provo rancore per lui”

23/06/2020 di Valentina Gambino

Will Smith

Will Smith ha svelato il suo terribile dramma familiare: “Mio padre mi picchiava quando ero piccolo”. L’uomo, spesso in preda ad istinti incontrollabili di ira, si sfogava contro il figlio: “Sono stato schiaffeggiato e picchiato. Sono cresciuto in una famiglia in cui l’aggressione fisica era concessa”.

Will Smith choc: “Mio padre picchiava me e mia madre”

Tutto sommato ho amato la mia famiglia, ma so che non sarei mai stato come mio padre, spesso in preda ad attacchi di ira. Io ero un bambino educato e gentile, nonostante questo sono stato schiaffeggiato e picchiato. Così sono cresciuto in una famiglia in cui l’aggressione fisica era concessa. Ho riportato cicatrici esteriori, ma anche interiori. Ho anche visto che mio padre picchiava mia madre. Sono eventi che in qualche modo ti feriscono emotivamente.

Will Smith si è confidato durante Red Watch Talk, format condotto dalla moglie dell’attore Jada Pinkett Smith.

Quando mio padre si arrabbiava si trasformava nella persona più stupida che abbia mai incontrato. Nonostante tutto, oggi, non provo rancore nei suoi confronti. Mio padre non era convinto dell’importanza della scuola, nonostante tutto ci sono andato e ho imparato tantissimo perché è fondamentale che qualsiasi cosa uno faccia debba farla bene.

Prima di incontrare l’attuale moglie, Will Smith ha avuto una precedente relazione con Sheree Zampino con la quale ha avuto il primo figlio:

Il divorzio è stata la cosa peggiore della mia vita, è stato il mio ultimo fallimento. Diverse volte sono stato ferito nella vita, ma credo sia nulla al confronto, quando divorzi e ti allontani da un figlio di due anni. Sono stati anni difficili, Trey poi è venuto a cercarmi quando si è sentito pronto ad avere un rapporto con me.

Blogger e social addicted. Scrivo di televisione, gossip, cinema e musica. Amo le serie TV, sono dipendente dalla mia barboncina Zooey e vivo in Salento tra sole, mare, vento, amore e arcobaleni.

COMMENTI