Vittorio Brumotti, Striscia la Notizia: Video, aggressione choc allo Zen di Palermo, minacce di morte, spari e auto sfondata

26/02/2018 di Emanuela Longo

Vittorio Brumotti e l’intera troupe di Striscia la Notizia di nuovo vittime di aggressione. Questa volta l’inviato del Tg satirico di Canale 5, si è recato a Palermo in uno dei quartieri più problematici della città, lo Zen2, per documentare come viene gestita l’attività di spaccio di droga. Un’inchiesta che Brumotti sta portando avanti da tempo in tutta Italia e che questa volta lo ha condotto nel capoluogo siciliano. Dopo aver documentato l’attività di molti spacciatori del posto, Vittorio aveva deciso di recarsi direttamente nel quartiere per intervistare i residenti, ma qui ieri pomeriggio è accaduto l’inimmaginabile. Minacce, lancio di sassi e persino spari contro l’auto blindata a bordo della quale c’era la troupe. Ecco cosa è accaduto realmente e le immagini pubblicate dallo stesso Brumotti, oltre all’anteprima del servizio di Striscia.

Striscia la Notizia: aggressione choc a Vittorio Brumotti

Occorrerà forse attendere qualche giorno prima di vedere il video integrale della drammatica aggressione a Vittorio Brumotti ed alla sua troupe, avvenuta ieri a Palermo, in quanto le stesse immagini tratte dalle telecamere di Striscia e l’auto poi sequestrata sarebbero attualmente al vaglio degli inquirenti che sono a caccia dei responsabili. Ciò che è certo è che Brumotti anche questa volta se l’è cavata ma poteva realmente andargli molto peggio.

Come scrive Corriere.it, ieri pomeriggio Brumotti e la sua squadra di lavoro si trovavano a Palermo quando sono stati aggrediti “con sassi e anche con un colpo di pistola che ha perforato la portiera dell’auto durante una inchiesta sulla droga”. Dopo essere stati accolti tra gli insulti e le minacce di morte, i membri della troupe hanno trovato riparo nella vettura blindata, quando all’improvviso il tetto è stato sfondato da un pesante blocco di cemento lanciato da un piano alto di una casa e la portiera è stata perforata da un colpo di arma da fuoco, pare di calibro 12.

Nonostante tutto, Brumotti continua a non perdere il sorriso e su Instagram nelle passate ore ha postato una sua foto in sella alla moto e con il dito medio ben in vista: “Un dolce saluto a tutti gli spacciatori. Avanti tutta nella nostra guerra”, ha commentato.

Ha poi aggiunto un’altra foto emblematica: “Quel buco era per me! Abbiamo visitato il quartiere #zen di #palermo! Vedrete tutto a @striscialanotizia #brumotti #antidroga #sicilia #italia questa volta parliamo di #mafia”.

Classe 1984, nata a Lecce. Dopo la mia formazione in Media e Giornalismo all'Università di Firenze, ho acquisito esperienze tra Milano e Palermo per poi fare ritorno in Salento. Nasco sul web come blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

COMMENTI