Vilma d’Addario, Il Collegio 4: la sua su omofobia, aborto, violenza sulle donne – VIDEO

12/11/2019 di Emanuela Longo

Vilma Maria d’Addario, la 15enne di Potenza, è una delle allieve più sagge de Il Collegio 4. Frequenta il Quarto ginnasio al liceo classico e sia nel corso della sua esperienza televisiva che sui social ha dimostrato di essere una ragazza più matura rispetto alla sua età, nonché con una sensibilità rara. Appassionata di letteratura classica e arte, a scuola va molto bene. Nel tempo libero ama scrivere poesie, ascoltare musica, cantare e recitare.

Vilma d’Addario, la saggia de Il Collegio 4

Vilma di recente ha pubblicato alcune Storie su Instagram con le quali si è fatta conoscere meglio rispondendo alle domande dei suoi followers su tematiche sociali importanti, spaziando dall’omofobia all’aborto, fino all’emancipazione femminile.

Vilma d'Addario, Il Collegio 4

Parlando di maschilismo, ad esempio, ha replicato:

Ripugnante, non c’è un sess0 migliore di un altro. Sono per il femminismo perchè è emblema di parità.

Ha detto la sua anche in merito all’aborto, spiegando:

Sono pro. Noi donne abbiamo il diritto di decidere perchè un figlio ti cambia la vita e positivo o in negativo quindi io devo avere il diritto di scegliere.

E sull’omofobia ha sintetizzato in modo chiaro e preciso:

Credo che il termine sia sbagliato. Non hai paura, sei solo stronz*.

Quindi ha commentato il delicato tema della violenza sulle donne:

La violenza fa schifo sempre e comunque, che sia sulle donne o sugli uomini.

Nel video in apertura potrete conoscere anche le sue idee sulla legalizzazione delle droghe leggere e sulla maternità in giovane età.

Noi intanto facciamo il tifo per lei, una delle poche che rispondendo a FanPage alla domanda se riesce a vedersi in futuro nel mondo dello spettacolo ha replicato:

Diciamo che la mia massima aspirazione è essere felice e pensare al futuro mi rende malinconica. Farò ciò che mi dirà di fare il cuore…

Classe 1984, nata a Lecce. Blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

COMMENTI