Veronica Peparini e la storia d’amore con Andreas Muller: “Lui è giovane, mi faccio ancora tanti problemi”

25/06/2020 di Valentina Gambino

Veronica Peparini e Andreas Muller

Veronica Peparini e Andreas Muller vivono (finalmente) alla luce del sole la loro storia d’amore nata nella sala prove di Amici di Maria De Filippi e che tanto appassiona gli estimatori ma che ha originato anche notevoli critiche per la differenza d’età. La celebre coreografa, intervistata da Novella 2000, si è confidata a 360°.

Veronica Peparini: “Andreas è molto più giovane mi faccio ancora tanti problemi”

Le critiche? Perché donna e perché più grande. Era normale. Ma sono andata oltre. Non nascondo che all’inizio, quando ho scoperto di essere innamorata di lui, qualche remora l’ho avuta. Anzi, un bel po’. Ovviamente per l’età: Andreas è molto più giovane di me e questo mi porta a pensare al suo futuro. So che nella nostra storia non devo essere egoista e devo pensare a quello che è giusto per lui. Io mi faccio ancora tanti problemi, ma sono più paranoie mentali mie.

Questi 25 anni però non costituiscono per loro un ostacolo, anzi Andreas e Veronica si bilanciano alla perfezione:

Ci dividiamo! Lui è più preciso e razionale, io vivo più alla giornata. Per contro mi sforzo sempre di vedere il lato positivo di ogni cosa e voglio sempre trovare una soluzione ai problemi. Lui, al contrario, di fronte alle novità si fa prendere un po’ dal panico. Mi riferisco al lavoro, all’organizzazione pratica delle cose.

Spazio anche per Andreas Muller che rivela cosa gli è piaciuto della compagna quando ha iniziato a conoscerla:

Dalle prime volte in cui l’ho vista, la sua energia e il suo modo di fare, così particolare, mi hanno attirato umanamente. Ho provato delle sensazioni che mi ispiravano e mi hanno spinto ad approfondire la conoscenza. Volevo scoprirla sempre di più.

Blogger e social addicted. Scrivo di televisione, gossip, cinema e musica. Amo le serie TV, sono dipendente dalla mia barboncina Zooey e vivo in Salento tra sole, mare, vento, amore e arcobaleni.

COMMENTI