Vera Miales torna a parlare della sua gravidanza psicotica e attacca una Vippona e la figlia di Amedeo Goria

14/10/2021 di Emanuela Longo

Vera Miales e Amedeo Goria

Vera Miales, la compagna di Amedeo Goria, dopo essere intervenuta nella Casa del GF Vip ed aver messo un punto al gossip sulla sua presunta gravidanza, smentendo di aspettare un bambino dal giornalista, è tornata a parlare sui social.

Vera Miales contro Manila Nazzaro e Guenda Goria

La sua presenza nella spiatissima Casa ha fatto molto discutere e sia dentro che fuori hanno contestato l’atteggiamento di Vera Miales e la sua presunta verità relativa ad una “gravidanza psicotica”.

Tra le più critiche, Manila Nazzaro ma anche la figlia di Amedeo, Guenda Goria. La prima ha criticato la Miales sostenendo di volersi fare solo pubblicità, la seconda ha invece evidenziato la spettacolarizzazione di una falsa gravidanza, evidenziando anche come tante donne abbiano problemi a restare incinta.

Vera è intervenuta rivolgendosi prima a Manila Nazzaro:

Cara Manila, non continuare a giudicarmi se non conosci i fatti e non sai quello che ho passato. Non sei né un giudice né un avvocato! Trova altri argomenti per attirare l’attenzione! Ma chi sei tu per dare responsi e dire che la mia in quelle foto era una pancia di tre mesi o due o sei? O, addirittura, era finta? Io ho avuto una gravidanza psicotica perché ho subito un forte trauma quest’estate proprio durante una vacanza con Amedeo. Lui ne è testimone! Sei una donna, sii solidale con le altre donne invece di sollevare dubbi infondati su un tema così importante!

Poi, senza citarla, ha attaccato anche Guenda Goria, figlia del suo Amedeo:

Ma quale spettacolarizzazione? Ma ce l’avete un cervello? Smettetela di essere banali, moralisti e finti perbenisti! Ritornate sulla Terra!

Infine si è rivolta direttamente al giornalista spronandolo a prendere una posizione chiara in sua difesa.

Classe 1984, nata a Lecce. Blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

COMMENTI