Uomini e Donne: daytime del 27 novembre. Troni maschili ribattezzati dalla De Filippi come i “Troni della percezione”

27/11/2009 di Francesca Fabbri

La puntata odierna del trono maschile gira tutt’attorno alle percezioni, vero leit-motif di oggi.

Maria De Filippi cerca di far capire a Giuseppe che non mostra un interesse verso nessuna delle ragazze presenti in studio, così gli fa dare i numeri: Jessica e Roberta 8, Valentina 7. Jessica ha deciso di non tornare a corteggiare il bel milanese, e anche Valentina comunica di aver deciso di andarsene. Maria allora consiglia al tronista di sforzarsi a mostrare di più i suoi sentimenti, ma Giuseppe ammette di non fidarsi e di non essere sicuro circa i reali interessi delle sue corteggiatrici. Maria quindi sprona Roberta a riaffermare il suo interesse, ma lei non lo fa. Tina quindi l’apostrofa alla romana:

Ti darei una pizza in faccia. Vai alla materna!

Finisce il discorso con un ballo. Marcelo balla con Angelica, e lei dice che le sue percezioni le “proferiscono” che lui non è interessato a lei. Maria commenta:

Questo è il trono delle percezioni!

Esterna di Marcelo con Cristina. Lui chiede un bacio, lei fa la sostenuta, ma poi si abbandona alla passionalità del cileno. Angelica sostiene che avevano ragioni le sue percezioni, e se ne vuole andare. Roberta commenta il bacio di Marcelo sostenendo che lui non sembra interessato; anche Cristina, purtroppo per lei, è dello stesso parere.
Giuseppe coglie la contraddizione del comportamento di Marcelo:

Non avevi detto che il bacio per te è importante?

Lui risponde, incartandosi un po’ con le parole:

Non ti è mai capitato di baciare una così?!,

sminuendo totalmente il bacio con Cristina, che infatti esce dallo studio arrabbiatissima. Poi dietro le quinte, Marcelo la abbraccia e la trasporta nello studio, che romanticone!
Consiglio del saggio: qualche volta sarebbe meglio calibrare parole e azioni!

Marcelo esce con Federica, Cristina e Angelica (che evidentemente non se ne va). Giuseppe con Roberta, Gianiesca e Jessica (sempre che quest’ultima sia d’accordo).

COMMENTI