Uomini e Donne, Carlo (quasi) senza corteggiatrici, Daniele e il “pippone” permaloso

20/02/2020 di Valentina Gambino

Uomini e Donne, Carlo Pietropoli e Daniele Dal Moro

Le anticipazioni del trono classico di Uomini e Donne si sono aperte con il percorso di Carlo Pietropoli e Cecilia Zagarrigo in camerino. I due litigano perché il tronista non ha degli atteggiamenti complici e teneri nei suoi confronti, oltre a provare – secondo lei – scarso interesse.

Uomini e Donne, Cecilia e Marianna lasciano Carlo (quasi) da solo

Tutte le indiscrezioni della nuova registrazione del trono classico di Uomini e Donne, ci giungono – come sempre – dal VicoloDelleNews. Durante la puntata Cecilia decide di andarsene, specie dopo avere visto l’esterna con una ragazza nuova che si chiama Ginevra. Nonostante il tronista la segua dietro le quinte, le cose non si risolvono e rientra da solo.

Nemmeno Marianna è stata portata in esterna e, durante un ballo, dopo avere invitato a ballare Ginevra (questa famosa new entry che evidentemente deve avere fatto molto colpo), la corteggiatrice si alza e se ne va. Lui, come sempre, non la segue e la lascia andare via dallo studio.

Daniele Dal Moro e il “pippone” permaloso

Daniele Dal Moro è uscito con Angelica e Beatrice. Con la prima si trova bene e con la seconda vanno prima in casona e poi a bere in un locale ma lei non sa se è interessata o meno visto che (come darle torto) non apprezza certi lati del suo carattere.

Il tronista di Uomini e Donne è pure permaloso (giusto per non farsi mancare nulla!) e parte con un monologo particolarmente lungo dove cerca di farle capire che crede che non gli piaccia e parte prevenuta mentre  dovrebbe fidarsi perché lui sa come deve comportarsi in esterna con una donna (qui mi scappa da ridere, scusate…).

Ma solo io credo che questo ragazzo sia paranoico in maniera assolutamente immotivata?

Blogger e social addicted. Scrivo di televisione, gossip, cinema e musica. Amo le serie TV, sono dipendente dalla mia barboncina Zooey e vivo in Salento tra sole, mare, vento, amore e arcobaleni.

COMMENTI