Tommaso Zorzi ed Elettra Lamborghini, critiche sul loro ruolo all’Isola, Maurizio Costanzo li difende

25/03/2021 di Emanuela Longo

Elettra Lamborghini e Tommaso Zorzi

Tommaso Zorzi ed Elettra Lamborghini rappresentano la nuova generazione tra gli opinionisti dell’Isola dei Famosi, e con la loro freschezza vanno ad affiancare Iva Zanicchi in studio insieme alla padrona di casa Ilary Blasi. Tuttavia l’influencer e l’ereditiera non riescono a conquistare i gusti di tutti i telespettatori, come spesso accade.

Tommaso Zorzi ed Elettra Lamborghini criticati, Costanzo li difende

Tra le pagine del settimanale Nuovo, come riporta il portale LaNostraTv, una spettatrice di Milano ha rivolto alcune critiche a Zorzi ed Elettra definendoli non particolarmente adatti a ricoprire il ruolo di opinionisti, fondamentale in un programma come un reality show. Le sue opinioni sono state espresse nell’ambito della rubrica tenuta dal giornalista Maurizio Costanzo sul noto settimanale.

In merito a Tommaso ed Elettra, la spettatrice milanese ha contestato:

Ci vuole gente di ben altro calibro, con un po’ di pelo sullo stomaco e soprattutto esperienza nel mondo dello spettacolo.

Ad esprimersi dopo le parole della lettrice è stato proprio il giornalista e conduttore Maurizio Costanzo che ha preso le difese dei due giovani opinionisti:

Stiamo parlando di un reality in cui l’opinionista deve commentare lo spettacolo, non discutere di letteratura…

Effettivamente in questo i due giovani amici sembrano essere molto bravi a mettere un po’ di pepe nel corso delle varie puntate dell’Isola, rispondendo perfettamente al ruolo che sono chiamati a svolgere.

A proposito del loro ruolo, Costanzo nella sua rubrica su Nuovo ha invece ribadito come quello dell’opinionista calzi a pennello su personaggi emergenti come l’influencer e la cantante:

Questi ruoli sono adatti per personaggi emergenti come Tommaso Zorzi e Elettra Lamborghini.

Classe 1984, nata a Lecce. Blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

COMMENTI