Tommaso Zorzi attacca Trash Italiano: “E’ un paracul*”, il duro sfogo – VIDEO

14/05/2021 di Valentina Gambino

Tommaso Zorzi aveva giurato di non dire nulla ma, sotto sua stessa ammissione, non ce l’ha fatta e tramite le storie di Instagram ha attaccato Trash Italiano, celebre pagina di meme e video divertenti tornata sui social da alcune settimane dopo uno “stop” forzato.

Tommaso Zorzi attacca Trash Italiano

Tommaso Zorzi attacca Trash Italiano

A me sta sul cazz* la gente come Trash Italiano. Si continua a dire che serve ricambio generazionale in TV, largo ai giovani… ecco, io che sono un giovane che sta cercando di farsi spazio in tv deve comunque destreggiarsi con gente giovane come Marco di Trash Italiano che appena ha l’occasione di sparare merd* anche non vera sul tuo conto lo fa cercando di metterti in cattiva luce e insinuando che mi chiudano i programmi.

Tutte cag*te non vere per fare il loro gioco ed acchiapparsi due visualizzazioni sul loro sito. Ecco questa cosa la trovo triste e rende il mio lavoro un po’ più difficile quando in teoria dovrebbe essere in discesa questa parte.

Se volete speculare sul mio nome come è giusto che sia perché fa parte del gioco, quantomeno attenetevi alla realtà delle cose e non cercate di ricamarci sopra la vostra personale interpretazione che è quasi sempre sbagliata.

Tommaso Zorzi poi conclude con un duro attacco a Trash Italiano:

Poi state facendo un casino su una striscia quotidiana di tre minuti che non fate per programmi che durano ore, è ridicolo, veramente ridicolo. Sono lusingato dell’attenzione.

Trash Italiano senza il quale vivo e continuerò a vivere molto bene non è altro che un leccacul* di a) chi gli sta simpatico e b) chi lo sponsorizza per scrivere e postare cose.

Il VIDEO sfogo di Tommaso in apertura del nostro articolo.

Vi mostro la mia faccia mentre ascoltavo le storie di Zorzi:

 

Blogger e social addicted. Scrivo di televisione, gossip, cinema e musica. Amo le serie TV, sono dipendente dalla mia barboncina Zooey e vivo in Salento tra sole, mare, vento, amore e arcobaleni.

COMMENTI