Spirito Libero, la miniserie di Canale 5: anticipazioni trama e info streaming

06/08/2019 di Emanuela Longo

A partire da stasera, martedì 6 agosto 2019, su Canale 5 andrà in onda la prima puntata della miniserie Spirito Libero, drama in prima visione tv e già campione d’ascolti in Austria e Germania. Ingredienti di Trakehnerblut – il titolo originale -, segreti, intrighi e giochi di potere si districheranno tra le valli di Altlengbach e Lanzendorf, in Austria, e Vienna, entrambe da anni in cima alle classifiche per quanto concerne la qualità di vita, con un centro storico dichiarato patrimonio dell’umanità dall’Unesco.

Spirito Libero, la miniserie di Canale 5: trama

La mini serie di Canale 5 si pone come un mix tra L’eredità dei Guldenburg, Un castello sul Wörthersee, Dallas, Pretty Princess e Cenerentola. Al centro, la storia di Alexandra, 24enne senza famiglia, la quale lavora in un panificio di Vienna. Qualcosa cambia quando un notaio informa Alex che il padre naturale, da poco scomparso ma che lei non ha mai conosciuto, le ha lasciato in eredità un allevamento di cavalli purosangue di razza Trakenher, con tutti i possedimenti annessi.

Alex resterà sconvolta dalla notizia che sorprende anche la matrigna e i tre fratellastri i quali, sentendosi defraudati, faranno di tutto per ostacolare l’intrusa. Giunta alla scuderia, la ragazza si legherà ad un mezzosangue, Spirito Libero.

Da questo momento in poi non mancheranno i colpi di scena e gli intrecci inattesi che cambieranno per sempre la vita della 24enne. Spirito Libero sarà visibile anche in streaming sul portale di Mediaset, anche tramite l’app per dispositivi mobili. La miniserie in Austria è andata in onda su ServusTV e in Germania sul canale Das Erste, con il titolo Gestüt Hochstetten.

Classe 1984, nata a Lecce. Dopo la mia formazione in Media e Giornalismo all'Università di Firenze, ho acquisito esperienze tra Milano e Palermo per poi fare ritorno in Salento. Nasco sul web come blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

COMMENTI