Speciale Superquark: si conclude stasera il ciclo dedicato ai grandi condottieri del passato

05/01/2010 di Marco Ceste

Si chiude questa sera il ciclo di puntate diSuperquarkintitolato “Nel segno del comando”. Ciclo di tre appuntamenti – i primi due sono andati in onda il 23 e il 30 dicembre – nel quale si è deciso di affrontare le figure di tre grandi condottieri del passato:NeroneAttila Shogun.

Nella prima puntata si è narrata la vita dell’imperatore romano Nerone, celebre per le sue crudeli gesta: su tutte la leggenda a lui attribuita dell’incendio di Roma.
Il secondo appuntamento è stato dedicato al re degli Unni, Attila, il quale sfidò l’Impero Romano e portò devastazione in tutta l’Europa.
Il ciclo si conclude questa sera con la figura del grande samurai Shogun, che nel 1600 riunificò un Giappone che era allora diviso in numerosi clan e divenne di fatto il capo incontrastato del paese.

Il suo vero nome era Ieyasu Tokugawa e tutti i suoi discendenti ereditarono il suo potere assoluto sul paese fino alla fine dell’800, momento in cui il Giappone uscì dal suo isolamento aprendosi al mondo intero.

Piero Angela mostrerà le gesta dello storico personaggio attraverso le immagini di una fiction realizzata dalla BBC. Sarà anche possibile scoprire come si costruisce una kutana, spada samurai, prodotta da uno dei pochissimi artigiani ancora in grado di eseguire gli antichi procedimenti. La costruzione dell’arma è stata seguita da Alberto Angela, come sempre puntuale e interessante nei suoi viaggi e reportage, i quali completano con minuziosità di particolari e competenza l’argomento del programma. In studio sarà presente il professor Franco Mazzei, che spiegherà come il Medioevo giapponese abbia avuto forti influenze sul Giappone di oggi.
Infine, si potranno seguire le interviste realizzate al discendente diretto di Ieyasu Tokugawa, una geisha, un maestro di kendo e un attore di teatro kabuki.

Puntata dunque da non perdere, per chi ama la storia, con le sue leggende e le sue tradizioni.

COMMENTI