Rosanna Cancellieri: “Vite da Copertina? Niente gossip, mi annoia!”, Mara Venier e Simona Ventura a confronto

27/08/2020 di Emanuela Longo

Rosanna Cancellieri

Sarà Rosanna Cancellieri, a partire da lunedì 31 agosto, a condurre Vite da Copertina, il rotocalco in onda su TV8 dalle 17.30 e condotto fino alla passata stagione tv da Giovanni Ciacci ed Elenoire Casalegno. Alla vigilia dell’esordio, la Cancellieri ha rilasciato una lunga ed interessante intervista a TvBlog nella quale ha parlato di vari aspetti ed ha spiegato anche come sarà la sua versione del programma.

Rosanna Cancellieri alla conduzione di Vite da Copertina: ecco come sarà

Con Rosanna Cancellieri al timone di Vite da Copertina lo stile sarà quello suo classico, come anticipato dalla stessa:

Uno stile leggero, piacevole, almeno mi auguro, è nelle mie intenzioni, con un linguaggio non sciatto, non tirato via, non “televisionaro”, un linguaggio non colto ma curato, e allo stesso tempo leggero, piacevole e divulgativo, nel senso migliore del termine.

Nessun gossip “politicamente scorretto”, quindi, di cui si è detta ormai piena. Stop ai pettegolezzi presunti e spazio al racconto del personaggio, “con le sue luci e con le sue ombre”, spiega. Un’edizione che virerà più verso “il racconto di costume”. Anche perché, commenta ancora, il gossip “la “annoia”.

Tra le Vite Parallele che hanno già appassionato ed interessato Rosanna Cancellieri, c’è quella che vede protagoniste due donne della tv: Mara Venier e Simona Ventura.

Andando in onda in quella fascia oraria si andrà a scontrare con La Vita in diretta e Pomeriggio 5. Come vive la concorrenza?Vite da Copertina

No, non ci penso proprio, guarda… Non ci ho mai pensato per un motivo molto semplice, perché penso che l’offerta televisiva è tanta, è vasta, è ampia, e più che alla concorrenza, io penso a fare un buon racconto poi chi vorrà, ci seguirà. Cercheremo di costruire una nostra identità poi chi vivrà, vedrà ecco…

Classe 1984, nata a Lecce. Blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

COMMENTI