Rocco Casalino, fidanzato Jose Carlos Alvarez: “Ci siamo lasciati, è finita al 100%”

28/07/2020 di Emanuela Longo

Rocco Casalino e il compagno

Solo nei giorni Rocco Casalino, portavoce del Presidente del Consiglio Conte, interveniva pubblicamente per difendere il compagno cubano Jose Carlos Alvarez dopo essere stato segnalato all’antiriciclaggio per operazioni sospette. “E’ stato vittima del trading online”, aveva detto. Il nome del compagno di Casalino era così stato riportato da tutti i media. Adesso Alvarez si è raccontato in una lunga intervista a Repubblica alla quale ha rivelato la fine della loro relazione d’amore.

Rocco Casalino e Jose Carlos Alvarez si sono lasciati

Nell’intervista al quotidiano Repubblica, il cubano Jose Carlos Alvarez ha raccontato:

Avevamo già problemi, ma questo è stato il colpo di grazia. Ormai è finita al 100%. Questa bomba mediatica ha scatenato tra noi litigi su litigi.

Parlando della “bomba” il riferimento è proprio alla segnalazione all’Ufficio antiriciclaggio che ha portato Casalino a diramare una nota nella quale ha spiegato la sua totale estraneità ai fatti, ribadita anche dallo stesso Alvarez. Quest’ultimo si è difeso:

Ci tengo a raccontare come stanno le cose, non sono un ludopatico, sono una vittima. Le notizie che sono trapelate hanno il solo scopo di screditare Rocco. L’obiettivo di tutto questo è costringerlo a farsi da parte.

Poi ha ribadito ancora una volta l’estraneità da parte di Casalino:

Io non credevo fosse un problema per il suo lavoro. Noi siamo gay, non siamo sposati, siamo solo fidanzati. Non credevo che dal mio nome arrivassero a lui. Anzi, appena lo ha scoperto mi ha detto: “Meno male che hai investito in petrolio e non in titoli italiani, sarebbe stata una tragedia”. Mi vergognavo di parlarne con lui, sono caduto in una profonda depressione, ho anche pensato di suicidarmi. Ed è da quel momento che è iniziato il nostro distacco.

Classe 1984, nata a Lecce. Blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

COMMENTI