La rivolta degli ex Vipponi contro Katia Ricciarelli: “Andremo al centro del palco”

06/01/2022 di Emanuela Longo

Katia Ricciarelli

Le frasi sempre più discutibili di Katia Ricciarelli contro Lulù Selassié ed altri giovani concorrenti del Grande Fratello Vip, hanno sollevato un malumore incredibile sia dentro che fuori la Casa. Giorno dopo giorno aumentano le critiche anche nei confronti del conduttore Alfonso Signorini e della produzione del GF Vip, “rei” di non aver preso ad oggi alcun provvedimento contro la cantante lirica.

Ex Vipponi contro Katia Ricciarelli: la rivolta in diretta al GF Vip?

Adesso ad intervenire sono stati anche alcuni ex Vipponi, a partire da Clarissa Selassié e Patrizia Pellegrino, le quali sono intenzionate a dare vita ad una vera e propria rivolta in diretta tv nel corso della puntata di domani del GF Vip, al fine di far sentire la propria voce contro Katia Ricciarelli ed i suoi modi.

Il silenzio imbarazzante di Alfonso Signorini adesso non va più bene a molti. Non solo utenti del web che si sono sollevati con tanto di hashtag #FuoriKatia chiedendo l’eliminazione della concorrente.

In una diretta Instagram, la Pellegrino e la minore delle principesse etiopi hanno paventato una sorta di protesta da mettere in atto insieme ad altri ex gieffini per dissociarsi pubblicamente da Katia e chiedere l’intervento di Signorini. Il loro intento è quello di andare al centro dello studio. Patrizia ha commentato:

Forse è il momento giusto per fare quello che ci chiedono in diretta. Avere la forza, la cazz*mma di andare al centro dello studio, di alzarci e di dire qualcosa. Io lo posso fare perché sono un’attrice e quando sento che è il momento giusto di dire qualcosa lo faccio. So qual è il momento giusto per entrare e dire quello che penso. Facciamolo!

Clarissa si è detta “disgustata e ferita” da quanto accaduto. A quanto pare ad unirsi all’appello sarebbero anche Ainett Stephens e Samy.

Classe 1984, nata a Lecce. Blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

COMMENTI