Ricchissima puntata di X Factor: Morgan è scisso tra il clavicembalo e Asia Argento. Contemporaneamente si consuma la tragedia: Damiano è eliminato

29/10/2009 di Valeria Panzeri

Qualche giorno fa, scherzando ma non troppo, avevo ritenuto opportuno avvisare il nostro stimatissimo direttore in merito alla questione Damiano. Avevo dichiarato che, se fosse uscito avrei dimostrato il mio disappunto concentrando il pezzo su di lui tralasciando tutto il resto della serata.

Tale piano commemorativo è attuabile soltanto in parte perché è altresì doveroso spendere qualche parola circa il riavvicinamento (ovviamente catodico) della coppia Marco e Aria in arte, rispettivamente, Morgan e Asia. La parola più adatta per riassumere il loro comportamento è pacato, termine raramente accostato ad Asia Argento e a Morgan. Quando Asia lascia il palco saluta dicendo “Marco ti voglio bene” e Morgan è sereno e tutt’altro che polemico per tutta la serata.
Si comincia con Sofia che ci regala un’esibizione da né lode né infamia. La Maionchi finalmente si sbilancia dicendole che non la trova straordinariamente dotata. Claudia Mori conferma asserendo che non è sicuramente la più brava lì dentro. Finalmente.
E’ la volta di Marco con un pezzo di Battisti: bravissimo, cos’altro si può dire.
Damiano, purtroppo, non è convincente nell’esecuzione del brano di Zucchero assegnatoli.
Meritano invece un plauso le Yavanna con E’ tutto un attimo di Anna Oxa. Veramente azzeccato, le ragazze cantano e non gorgheggiano…e vai.
Quando Chiara intona “E non finisce mica il cielo” non è Morgan l’unico a commuoversi. Veramente toccante, magnifica. Finalmente anche un cambio di look che le rende giustizia.
La new entry Giuliano si cimenta in “Back to black”…questo è bravo!
Infine Silver, piccolo boyscout sporcaccione che spia le Yavanna mentre si cambiano, canta e, soprattutto, interpreta, una canzone di Daniele Silvestri. Il ragazzo si rivela molto comunicativo entrando bene nel pezzo di questo originale e sempre interessante cantautore romano.

E’ il momento di De Gregori, super ospite della serata. Il cantautore intona la sua Vai In Africa, Celestino e, successivamente, con Morgan al clavicembalo duettano su “Il suonatore Jones” di Fabrizio de Andrè.

Il primo ballottaggio manda le Yavanna a rischio di eliminazione, ingiusto.

Nella seconda tranche segue una velocissima carrellata di tutti i concorrenti che si misurano con un cantato a cappella. Sofia esegue Goldrake: spero che almeno il passaggio su Blob se lo sia guadagnato.

E’ la volta del secondo ballottaggio…Damiano. Ma no, perché?

Il mio cuore si crepa: è un dolore l’idea di perdere Damiano ma è altrettanto una sofferenza la coscienza di sapere Mara orfana di gruppi. Claudia Mori piange, ma non qualche lacrima, ha proprio la voce rotta e il fazzoletto bianco in mano; ed io, dal mio divano, come la capisco.
Morgan che è stato radioso e tranquillo tutta sera mi infligge il mortal colpo: Damiano è eliminato.

Sonetto d’addio

Cantante o cantautore, che palle questa etichetta
Son certa che ormai t’andava stretta
E questa silenziosa eleganza, questa laconica ironia
Era solo per pochi eletti, come Antonella Elia.
Noi, orfane rammaricate della tua virile presenza
Forse ci berremo del vino per scordare la tua assenza.
Ma scordar non si può la tua barba irsuta e il tuo pelo selvatico
Sobrio Apollo dal carro bucato
Canterai ancora, questa è cosa sicura
E forse, stavolta, assecondando la tua natura
Ossequi dunque a Damiano, cavaliere senza destriero
Che tu abbia fortuna e gioia, davvero.

COMMENTI