Rabbia Cristian Imparato: “Michele Merlo? Ricordato solo da morto, vergogna!” – VIDEO

08/06/2021 di Emanuela Longo

La morte prematura di Michele Merlo ha generato oltre che tanto dolore anche molta rabbia. Rabbia perché non è giusto morire così, a 28 anni, mentre si ha ancora tutta una vita davanti. Rabbia per quanto la vita, talvolta, possa essere ingiusta. Per Cristian Imparato, rabbia anche verso i giornalisti che hanno ricordato, a suo dire, Michele, solo dopo la sua scomparsa.

Rabbia Cristian Imparato dopo la morte di Michele Merlo

Cristian Imparato e Michele Merlo

Attraverso una serie di Instagram Stories (video in apertura), Cristian Imparato ha voluto dire la sua, con tono un po’ polemico, in merito alla morte di Michele Merlo, puntando il dito contro i giornalisti che non lo avrebbero supportato a sufficienza mentre era in vita:

Piccola polemica per quanto riguarda la morte di Michele Merlo. A parte che sono dispiaciutissimo perché questo ragazzo lo seguivo, so che voce ha – aveva purtroppo -, che talento aveva… Da morto ha fatto più successo che da vivo. Vi rendete conto lo schifo di giornalisti? Perché non lo spingevano questo ragazzo a fare il successo che sta avendo adesso da morto mentre era vivo e far vivere delle cose straordinarie a questo ragazzo ed invece ricordarlo da morto? Perché il talento deve essere riconosciuto quando una persona crepa? Quel ragazzo aveva un talento bestiale e la cosa che mi innervosisce è che purtroppo i giovani che hanno talento in Italia non vengono supportati e vengono ricordati da morti, è normale?

Quanto accaduto a Michele Merlo dovrebbe farci riflettere su molti aspetti, probabilmente anche su quello sollevato da Cristian. Oltre a valorizzare i talenti da vivi occorrerebbe dare molto più valore a molti altri aspetti, come dire un semplice “ti voglio bene” prima che sia troppo tardi. Insegnamenti dati dallo stesso giovane cantante in uno dei suoi ultimi video e che dovrebbero rimanere bene in mente sempre.

Classe 1984, nata a Lecce. Blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

COMMENTI