Presadiretta: nella puntata di stasera, la crisi di chi lavora nelle fabbriche

03/10/2010 di Emanuela Longo

Riccardo Iacona, torna questa sera con la sua rubrica, Presadiretta, in onda sulla terza rete Rai a partire dalle ore 21:30 circa.

Titolo e, quindi, argomento centrale del nuovo appuntamento, sarà “Senza Fabbriche”. Nuove domande verranno poste al telespettatore: Siamo veramente usciti dalla crisi come ha dichiarato di recente il nostro Presidente Del Consiglio? Il peggio è passato? E che Italia ci riconsegnerà la crisi?

Il giornalista tenterà, insieme alla sua troupe, di dare risposta ad un tema alquanto delicato, andando direttamente “sul luogo”, ovvero nelle tante fabbriche sparse a Reggio Emilia e dintorni. I risultati di tale inchiesta, sono raccapriccianti: circa il 25% dei lavoratori, registra gravi difficoltà sul posto di lavoro. Sono 60mila le persone di tutta la provincia emiliana a vivere con uno stipendio dimezzato a causa della loro situazione di cassaintegrati o di inserimento nelle liste di disoccupazione.

Siamo quindi proprio sicuri che la crisi sia passata?

In realtà Presadiretta ci confermerà il contrario, con un livello di povertà preoccupante, che ha portato, come conseguenza più ovvia, alla riduzione dei consumi e, quindi, ad una crisi del mercato. La preoccupazione maggiore, è dovuta a ciò che ci aspetterà in futuro: sempre meno fabbriche e, di conseguenza, sempre meno posti di lavoro.

Non solo Reggio Emilia, ma anche Melfi, Pomigliano e Termini Imerese, in cui si andrà ad indagare sul destino dei lavoratori della FIAT.

L’appuntamento con Presadiretta, le sue raccapriccianti inchieste e la nuova puntata Senza Fabbriche, è per questa sera sulla terza rete Rai.

Classe 1984, nata a Lecce. Dopo la mia formazione in Media e Giornalismo all'Università di Firenze, ho acquisito esperienze tra Milano e Palermo per poi fare ritorno in Salento. Nasco sul web come blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

COMMENTI