Postini senza mascherina a C’è posta per te, scoppia il caso: “Che Dpcm segue Maria De Filippi?”

10/01/2021 di Emanuela Longo

In occasione dell’esordio di C’è posta per te in piena emergenza sanitaria causa pandemia da Covid-19, in tanti si aspettavano stravolgimenti anche in merito alle modalità di consegna della posta da parte dei postini ma anche in caso di apertura della busta in studio.

Postini senza mascherina a C’è posta per te: critiche social

Esattamente come accaduto per il Maurizio Costanzo Show, molti spettatori ieri sera hanno notato la presenza massiccia (quasi identica) del pubblico in studio, rigorosamente senza mascherina e separato da alcuni pannelli in plexiglass.

Così per coloro che sono stati accolti in studio e che hanno animato la prima puntata della nuova stagione: niente o quasi distanze, ed abbracci come se fosse tutto rimasto ad un anno fa. Eppure siamo ancora in piena emergenza con una media di 20mila contagi giornalieri e centinaia di morti.

Maria De Filippi indubbiamente avrà seguito l’iter del marito e optato per i test rapidi a pubblico in studio ed ospiti prima della registrazione, ma ciò che ha fatto indignare il popolo social è la presenza dei postini, tra le varie città d’Italia, senza mascherina, esattamente come i destinatari della missiva che, sotto casa, si sono presentati rigorosamente tutti senza l’apposito dispositivo: come mai?

Nel corso della consegna della busta (incellophanata, quella sì), abbiamo visto ogni tanto qualche postino igienizzarsi le mani prima di citofonare, ma niente di più. Tutto nella norma? In tanti hanno sollevato il dubbio…

Postino C’è posta per te si igienizza le mani

Classe 1984, nata a Lecce. Blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

COMMENTI