Pif contro Salvini dopo tweet su Palermo: “Modo schifoso di fare politica”

16/07/2020 di Valentina Gambino

Pif contro Salvini

L’assurdo tweet di Matteo Salvini che ha puntato il dito contro il sindaco di Palermo dopo il terribile allagamento delle scorse ore (parlando in maniera impropria di immigrazione), ha destato l’attenzione di Pif che ha voluto dire la sua.

Pif contro Salvini dopo tweet su Palermo: “Il suo modo di fare politica fa schifo”

Per un problema tecnico di Twitter non sono riuscito a pubblicare un mio impulsivo commento al tweet “elettorale” di Matteo Salvini, riguardo il temporale di Palermo. Tweet pubblicato mentre le auto galleggiavano, alcuni genitori con i propri figli cercavano salvezza nuotando e mentre arrivava la notizia di una coppia morta annegata in un sottopassaggio.

In questo modo inizia lo sfogo social di Pif che prosegue:

In due ore è caduta l’equivalente di un anno di pioggia. Non ricordo di aver mai visto una cosa simile a Palermo in tutta la mia vita. Ora che è passata una notte, posso giudicare il tweet ‘elettorale’ di Salvini in maniera meno impulsiva e serena. Mi sembra chiaro ed evidente, quindi, che questo tweet ‘elettorale’ faccia semplicemente schifo! Perché è il prodotto di un modo di fare politica che fa semplicemente schifo. Non è una questione di destra o di sinistra, fa semplicemente schifo e basta. Lo schifo non risolve i problemi del Paese. Lo schifo illude il popolo e fa avere un meraviglioso stipendio, e poi un’ottima pensione, a chi lo crea.

Ma cosa aveva detto Salvini? Ecco il suo tweet:

A furia di pensare solo agli immigrati, il sindaco Orlando dimentica i cittadini di Palermo: basta un temporale e la città finisce sott’acqua.

A distanza di ore, il leader della Lega ha cercato di correggere il tiro:

L’importante è che salvino tutti quelli che devono essere salvati. Oggi sono zen.

Blogger e social addicted. Scrivo di televisione, gossip, cinema e musica. Amo le serie TV, sono dipendente dalla mia barboncina Zooey e vivo in Salento tra sole, mare, vento, amore e arcobaleni.

COMMENTI