“Pietro Delle Piane ha un figlio”: pagina Wikipedia vandalizzata, fan Antonella Elia corrono in sua difesa

24/07/2020 di Emanuela Longo

Pietro Delle Piane

Mentre ieri andava in onda la quarta puntata di Temptation Island, su Wikipedia avveniva una rivoluzione. A finire sotto ‘attacco’ è stata la pagina di Pietro Delle Piane, il fidanzato di Antonella Elia ieri protagonista di un tradimento choc che ha lasciato tutti senza parole, a partire dalla compagna. E così, finalmente, nel tanto ribattezzato ‘reality delle corna’, alla fine le corna sono arrivate davvero. A non gradire però l’atteggiamento di Pietro sono stati in tanti, soprattutto per via di una serie di affermazioni che hanno scatenato gli utenti del programma di Canale 5, che in occasione della sua quarta puntata ha realizzato ascolti al top.

“Pietro Delle Piane ha un figlio”: pagina Wikipedia presa d’assalto

Non solo Pietro Delle Piane ha baciato un’altra umiliando pubblicamente la fidanzata Antonella Elia, ma è andato oltre con le parole ripetendo quasi fosse un mantra: “Io ho fatto un figlio, Antonella non ha niente”. Come se bastasse solo aver “fatto un figlio” a metterlo su un piano più alto rispetto alla showgirl.

A non gradire le sue parole sono state molte donne (soprattutto) ma anche uomini, che sui social si sono scagliati in maniera tutt’altro che clemente nei confronti dell’attore.

Una buona parte degli utenti e spettatori del programma ha preso così le difese di Antonella correndo subito sulla pagina Wikipedia di Pietro e vandalizzandola letteralmente. Da Pietro Delle Piane a Pietro ho fatto un figlio: numerose le versioni della pagina Wikipedia del compagno della Elia, che in pochi istanti ha fatto impazzire la rete mandando in tilt la stessa piattaforma poi intervenuta per bloccare la pagina ed evitare che fosse ancora oggetto di vandalismo. Adesso, infatti, la pagina di Pietro è tornata alla normalità dopo l’assalto di ieri.

Classe 1984, nata a Lecce. Blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

COMMENTI