Pamela Prati non esiste più: “Chiamatemi Paola Pireddu” e prepara il film Netflix sulla sua vita

08/08/2019 di Valentina Gambino

Pamela Prati

Un tempo c’era Pamela Prati… ora non più. Dopo l’arrivo sconvolgente di Mark Caltagirone, fidanzato fantasma che si è portato dietro uno tsunami mediatico senza precedenti, la showgirl ha deciso di ripartire da Paola Pireddu, il suo nome di battesimo. “Oggi sono Paola Pireddu. Sono caduta e ho provato a rialzarmi. Non è stato semplice e tuttora non lo è, ma quella Pamela non esiste più, e son dovuta tornare a essere Paola per trovare la forza e rimettermi in piedi”.

Pamela Prati non esiste più: “Chiamatemi Paola Pireddu”

“Paola è un nome semplice, dolce, forte. Ma è soprattutto il nome di una donna libera” confessa la “ex” Pamela Prati in un’intervista a Oggi in edicola giovedì 8 agosto. La showgirl sostiene che la gente sia ancora dalla sua parte dopo la grande farsa messa in piedi con le sue ex agenti negli scorsi mesi circa il finto matrimonio con l’inesistente Mark Caltagirone.

“La gente mi comprende. Bisogna distinguere la tv, i social che sono irreali, dalla vita vera. E la mia vita è fatta di persone che mi fermano per strada e mi abbracciano. Che mi hanno compresa e fatto sentire amata”. Delle volte le grandi difficoltà possono essere anche un’occasione per trarne benefici di vario genere, e così Pamela Prati annuncia un grande progetto.

Pamela Prati prepara il film sulla sua vita da lei interpretato

“Sto girando l’Italia alla ricerca delle location giuste per il mio film: la mia storia attrae sia Sky sia Netflix”. Chi interpreterà la sua parte? “Ovviamente io. E chi se no?”. Tra le tante domande, io le avrei anche chiesto chi vestirà i panni di Mark Caltagirone ma, evitando una risposta scontata, forse va già bene così. Cosa dire? Benvenuta Paola Pireddu, chiunque tu sia.

Giornalista e social addicted. Scrivo di televisione, gossip, cinema e musica. Amo le serie TV, sono dipendente dalla mia barboncina Zooey e vivo in Salento tra sole, mare, vento, amore e arcobaleni.

COMMENTI