Palinsesti Rai1, rivoluzione Coronavirus: Storie Italiane e La Vita in Diretta si allungano

11/03/2020 di Emanuela Longo

Rai1

Il Coronavirus spaventa sempre di più e porta a grandi rivoluzioni nei palinsesti Rai. Occorre fermarsi necessariamente ed ora ancora di più, come spiega il premier Conte. Solo così sarà possibile sconfiggere il virus che sta mettendo in ginocchio un intero Paese. Anche la tv si adegua alle trasformazioni che il Covid-19 sta introducendo nelle nostre vite, con molti programmi che sono stati letteralmente soppressi ed altri che rischiano di cambiare radicalmente la loro formula. Anche Rai1 si prepara ad una nuova programmazione che prenderà il via nei prossimi giorni.

Palinsesti Rai1: come cambiano per il Coronavirus

Ecco come cambia Rai1 ai tempi del Coronavirus ed alla luce dei nuovi contagi e delle decisioni prese da Rai1. Secondo quanto rivela TvBlog.it, ad aprire sarà Unomattina, condotto da Milano da Roberto Poletti e da Roma da Valentina Bisti. La linea passerà poi ad Eleonora Daniele con Storie Italiane che per l’occasione si allunga fino alle 13.25 dando la linea all’edizione delle 13.30 del Tg1. Da venerdì 13 marzo La prova del cuoco sarà sostituita da Storie italiane.

Dopo il Tg1 delle ore 13:30 spazio a La Vita in diretta: la prima parte del programma sarà condotto come sempre da Alberto Matano e Lorella Cuccarini, quindi alle 15:40 torna Il Paradiso delle signore. Da lunedì 16 marzo Vieni da me non andrà in onda e lascerà il suo posto a La Vita in diretta, che poi torna nello suo spazio consueto dalle 16:50 alle 18:45.

Completerà il palinsesto di Rai1 il programma L’Eredità di Insinna in onda con puntate inedite fino al 22 marzo, per poi proseguire con le repliche. Soliti ignoti andrà pure in onda con puntate inedite fino a sabato 14 marzo e poi proseguirà con le repliche.

Sospese infine le registrazioni di Buongiorno benessere, S’è fatta notte e Sottovoce.

Classe 1984, nata a Lecce. Blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

COMMENTI