Nazionale cantanti, caso Aurora Leone: parla Enrico Ruggeri, presidente e capitano della squadra

25/05/2021 di Valentina Gambino

Nazionale cantanti, caso Aurora Leone: parla Enrico Ruggeri

Dopo il caos generato dall’allontanamento di Aurora Leone cacciata dalla partita del cuore, alcuni partecipanti della Nazionale cantanti sono intervenuti. Oltre ad Eros Ramazzotti ha parlato anche Andro dei Negramaro ed Enrico Ruggeri

Nazionale cantanti, caso Aurora Leone: parla Enrico Ruggeri

Abbiamo avviato una inchiesta interna e abbiamo già allontanato due persone che peraltro sono dei volontari che devono attenersi ad un protocollo morale e deontologico che è quello della nazionale cantanti. Noi da 40 anni siamo sempre stati in prima linea per cercare di essere utili. 

Adesso il problema è la ricerca, ogni flessione di quello che succederà questa sera vorrà dire ricerca che stenta, vorrà dire persone che non ce la faranno, quindi qui abbiamo tutti una responsabilità.

Per cui, quello che posso fare è mostrare la maglia di Aurora e se qualcuno la conosce ditele che noi la stiamo aspettando in campo per cercare di porre rimedio a questo incidente per il quale abbiamo preso provvedimenti. 

Ma la cosa importante è ritrovarci tutti assieme perché tutto questo è più importante di qualsiasi altra cosa. Aurora se vuoi noi siamo pronti abbiamo un posto per giocare e per renderci utili.

Anche Andro dei Negramaro interviene

È la prima volta che vengo convocato ad una partita della nazionale cantanti e, ahimè, mi sono ritrovato in una situazione alquanto imbarazzante in merito ai fatti accaduti ad Aurora Leone e Ciro Priello. Ci conosciamo un po’ di tempo, ci incontriamo saltuariamente in occasioni di lavoro ed è sempre piacevole il tempo trascorso con loro.

Come tanti artisti, non ho assistito ai fatti accaduti per poter dare un giudizio univoco, ma sono stato testimone della rabbia di Ciro e delle lacrime di Aurora per un torto che non dovrebbe essere subito da nessuno, in nessun caso simile e in nessun’altra occasione. 

Spero vivamente che chi ha commesso questo grave errore sia pronto a prendersene le responsabilità e a fare le doverose scuse. Se ciò non dovesse accadere non mi sento nella condizione di partecipare all’incontro di domani.

Blogger e social addicted. Scrivo di televisione, gossip, cinema e musica. Amo le serie TV, sono dipendente dalla mia barboncina Zooey e vivo in Salento tra sole, mare, vento, amore e arcobaleni.

COMMENTI