Naya Rivera è morta annegata per salvare il figlio: “Non è riuscita a risalire in barca”, il racconto del piccolo

14/07/2020 di Valentina Gambino

Naya Rivera è morta annegata per salvare il figlio

Naya Rivera è morta per salvare il figlio di quattro anni dalla corrente. L’attrice di Glee, sparita lo scorso 8 luglio ma ritrovata solamente ieri, ha commesso l’ultimo eroico atto da mamma, prima di annegare nel lago Piru. La ricostruzione è stata resa nota Bill Ayub, sceriffo della contea di Ventura, nel corso della conferenza stampa dopo il ritrovamento del corpo.

Naya Rivera è morta annegata per salvare il figlio: “Non è riuscita a risalire in barca”

Ha raccolto le energie per riportare suo figlio sulla barca, ma non abbastanza per salvarsi. Il bambino ha raccontato che sua mamma lo ha aiutato a risalire a bordo della barca. Poi, però, si è voltato indietro e l’ha vista scomparire sott’acqua.

Questo è stato il drammatico racconto del piccolo Josey, figlio dell’attrice che ha visto sua madre annegare senza poterci fare nulla. Il bambino, diverse ore dopo è stato ritrovato addormentato e da solo a bordo della barca.

Il corpo di Naya Rivera è stato ritrovato mercoledì 13 luglio dopo una estenuante ricerca durata sei giorni. Galleggiava nella zona nord-est del lago dove l’acqua è profonda fino a 15 metri.

Blogger e social addicted. Scrivo di televisione, gossip, cinema e musica. Amo le serie TV, sono dipendente dalla mia barboncina Zooey e vivo in Salento tra sole, mare, vento, amore e arcobaleni.

COMMENTI