Nadia Toffa, vergogna hater dopo la morte: agenzia funebre Taffo prende le distanze

13/08/2019 di Valentina Gambino

Nadia Toffa, gli haters della vergogna

Nadia Toffa è morta questa mattina, lasciando di sasso gli estimatori e coloro che le volevano bene. Nonostante tutto il calore di queste ore, esistono ugualmente i disgustosi odiatori, detti più comunemente haters, che decidono di non tacere nemmeno in questa occasione. Alcuni personaggi meschini, hanno addirittura utilizzato l’agenzia funebre Taffo, per attaccarla. Proprio i social media manager di Taffo, hanno precisato l’attuale situazione, scrivendo: “Qualcuno ha utilizzato il nostro nome per pubblicare post meschini sulla morte di Nadia Toffa. Non è opera nostra, seguiranno denunce”.

Nadia Toffa, vergognosi haters all’attacco dopo la morte

Gli agghiaccianti post su Nadia Toffa, titolano: “Vendo protesi odontoiatrica in ceramica causa cessata attività, no perditempo. Citofonare Taffo”. Oppure: “Benvenuta in famiglia. Nadia Taffo”. L’agenzia funebre ha condiviso le immagini senza oscurare i nomi, proprio per dare una chiara identità, a coloro che hanno condiviso tutto questo schifo, invece di restare in religioso silenzio.

Tra i tanti internauti che sono intervenuti sulla faccenda, anche Selvaggia Lucarelli. La giornalista ha commentato: “Quanta merd* ha dovuto leggere durante la malattia. E non vi fermate manco oggi”. Il messaggio del giudice di Ballando con le Stelle, prosegue nelle Instagram Stories: “E quanta merda personaggi come questo nei gruppi chiusi e aperti le hanno buttato addosso negli anni. Da welcome to favelas a welcome to caritas sempre lo stesso schifo”.

Barbara d’Urso ricorda la Toffa: “So che ci stavi male quando ti attaccavano…”

Anche Barbara d’Urso ha raccontato quanto Nadia Toffa soffrisse per gli attacchi degli haters: “Mi incazzav* sempre quando quegli stupidi cretini ti attaccavano ma tu mi dicevi: “Dai amica facciamoci una risata insieme” (anche se so che ci stavi male). E poi quando venivi nel mio camerino ridendo, sempre ridendo, con quel cappello a falde larghe che dovevano nascondere anche se non te ne fregava niente di nascondere. E poi mille altre cose. Oggi sono triste. Ti saluto come mi salutavi tu: Ciao TesorA. Con la A maiuscola”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Mi incazzavo sempre quando quegli stupidi cretini ti attaccavano ma tu mi dicevi: “Dai amica facciamoci una risata insieme”(anche se so che ci stavi male). E poi quando venivi nel mio camerino ridendo, sempre ridendo, con quel cappello a falde larghe che dovevano nascondere anche se non te ne fregava niente di nascondere. E poi mille altre cose. Oggi sono triste. Ti saluto come mi salutavi tu: Ciao TesorA. Con la A maiuscola. E con la poesia che mi hai mandato qualche mese fa. “Sei bella. E non per quel filo di trucco. Sei bella per quanta vita ti è passata addosso, per i sogni che hai dentro e che non conosco. Bella per tutte le volte che toccava a te, ma avanti il prossimo. Per le parole spese invano e per quelle cercate lontano. Per ogni lacrima scesa e per quelle nascoste di notte al chiaro di luna complice. Per il sorriso che provi, le attenzioni che non trovi, per le emozioni che senti e la speranza che inventi. Sei bella semplicemente, come un fiore raccolto in fretta, come un dono inaspettato, come uno sguardo rubato o un abbraccio sentito. Sei bella e non importa che il mondo sappia, sei bella davvero, ma solo per chi ti sa guardare.” Alda Merini

Un post condiviso da Barbara d’Urso (@barbaracarmelitadurso) in data:

Giornalista e social addicted. Scrivo di televisione, gossip, cinema e musica. Amo le serie TV, sono dipendente dalla mia barboncina Zooey e vivo in Salento tra sole, mare, vento, amore e arcobaleni.

COMMENTI