Morgan parla di Fedez, dello smalto sulle unghie e di X Factor: “Lo rifarei volentieri”

31/05/2020 di Valentina Gambino

Morgan parla di Fedez

Morgan intervistato dall’HuffingtonPost è stato un vero fiume in piena (cliccare per credere). Tra un racconto personale e l’altro, il celebre musicista di Monza ha parlato anche di Fedez e della possibilità di tornare ad X Factor.

Morgan parla di Fedez e X Factor: “Lo rifarei volentieri”

In passato Morgan si è dipinto le unghie per molto tempo. Qualche giorno addietro anche Fedez l’ha fatto ed ha ricevuto attacchi omofobi, cosa ne pensa Marco Castoldi? La sua è una risposta in “musica”:

Per fare Fedez, ci vuol lo smalto, per far lo smalto ci vuole l’unghia, per fare l’unghia ci vuol la donna, per far la donna ci vuole l’uomo…

Poi torna serio:

Aspetti, le racconto questo su Fedez: ha una quadro di Escher tatuato sul collo, solo che non lo sapeva. Me l’ha fatto un mio amico, mi disse. Uscii dal palazzetto di X Factor e andai a compragli un catalogo di Escher per farglielo conoscere. Tornando agli attacchi omofobi… Ma chi sono? Esiste un partito? Una congregazione? Per me esistono solo gli omofoni, coloro che hanno lo stesso suono, a me piacciono quelli, non gli altri che non considero neanche.

In seguito, la risposta che stupisce:

Se rifarei X Factor? Certo, volentieri!

Lo scorso novembre, Morgan non era stato molto clemente con X Factor. Intervistato per Il Fatto Quotidiano aveva affermato:

Potevi scegliere se fare o meno X Factor. Non sempre: l’ultima volta sono stato costretto. Avevano detto che se avessi accettato di tornare in giuria mi avrebbero pagato 1 milione di euro. Peccato che non me l’hanno dato, sostenendo che una volta ero arrivato in ritardo, un’altra avevo detto o fatto qualcosa: praticamente non mi hanno pagato perché mi sono comportato da Morgan.

Blogger e social addicted. Scrivo di televisione, gossip, cinema e musica. Amo le serie TV, sono dipendente dalla mia barboncina Zooey e vivo in Salento tra sole, mare, vento, amore e arcobaleni.

COMMENTI