Mistero e gli Illuminati della musica, Leo Zagami: “Madonna voleva che io facessi una loggia” – FOTO

07/03/2013 di Valentina Gambino

Ieri sera, durante il corso di Mistero è stato mandato in onda un servizio riguardante il lato oscuro della musica. Per certi versi interessante ed anche inquietante, ma per altri forse un po’ troppo inverosimile nel cercare per forza messaggi subliminali anche dove probabilmente non ci sono. La musica agisce su di noi tramite l’udito e la vista, influenzando la nostra mente.

Procediamo con ordine: Lucilla Agosti si occupa dell’intero servizio che si apre, dopo una breve prefazione con l’intervista di Emanuele Fardella, scrittore e blogger; siamo passati ad un altro aspetto legato alla musica e la capacità di agire sulla nostra mente, associandola agli Illuminati attribuendone quindi significati di carattere massonico, avendone una struttura analoga.

Lucilla Agosti in seguito, ha incontrato un vero e proprio ex Illuminato, in quanto la musica è uno dei mezzi più potenti per il controllo mentale. Addirittura nella Germania Nazista la musica veniva utilizzata per controllare la mente delle persone. Tornando al servizio, la Agosti intervista Leo Zagami, l’ex illuminato che ha proprio vissuto la sua esperienza all’interno della setta:

La setta degli Illuminati è fatta di vari gruppi, se parliamo nella musica nello specifico l’Ordo Templi Orientis è ai vertici del discorso che riguarda i musicisti e i produttori discografici. Ho avuto delle grandi facilitazioni nel buttarmi nel lato esoterico della musica insieme alla setta degli Illuminati. Nel momento in cui sono andato contro di loro la cosa è cambiata, loro volevano veicolare con me un certo tipo di messaggio a cui io non aderivo perché portava al male piuttosto che al bene allora a quel punto non ho voluto più essere controllato e lì scoppia l’inferno.

E’ stato pericoloso uscirne per l’ex DJ e produttore? Ovviamente sì:

Uno dei gran maestri del Nord Europa lavorava anche in un ospedale psichiatrico e mi buttò lì dentro ed è stata un’esperienza da film dell’orrore.

Per quanto riguarda i cantanti in prima persona, Zagami svela un aneddoto riguardante Madonna, affermando:

Lei voleva che io facessi una loggia, questo ha dimostrato senza ombra di dubbio che lei è interessata verso la massoneria e verso gli Illuminati.

I manipolatori delle nostre menti agiscono tramite il subconscio, e i condizionamenti uditivi. Per capirne di più il servizio si conclude con la testimonianza di Adam Kadmon, che tra le altre cose ha scritto il libro, dal titolo Illuminati. Kadmon spiega in breve:

Io penso due cose, la prima è che esiste davvero un tono in grado di influire sulla personalità di chi lo ascolta, per quanto invece riguarda il mercato discografico, al 90% penso che si tratti di trovate pubblicitarie per portare l’attenzione dell’opinione pubblica su quel dato cantante, che può essere ad esempio Lady Gaga, ma mi sento di spezzare una lancia in favore di Lady Gaga, perché nonostante tutti tendano a parlarne male proprio a causa di queste simbologie occulte all’interno dei suoi video, lei comunque ha fatto anche del bene nei confronti di orfani e ha lottato per i diritti degli omosessuali, quindi tutto ciò che noi ascoltiamo prendiamolo sempre con il beneficio del dubbio.

Giornalista e social addicted. Scrivo di televisione, gossip, cinema e musica. Amo le serie TV, sono dipendente dalla mia barboncina Zooey e vivo in Salento tra sole, mare, vento, amore e arcobaleni.

COMMENTI