Miss Italia 2010 è Francesca Testasecca. Termina un’edizione ricca di colpi di scena

14/09/2010 di Emanuela Longo

Si è conclusa ieri sera la manifestazione dedicata al concorso di bellezza più celebre ed ambito del nostro paese: Miss Italia 2010. Ad essere la protagonista del passaggio di scettro e corona dalla Miss uscente, per mano di Sophia Loren, è stata Francesca Testasecca (numero 23), diciannovenne di Foligno. Tra i suoi sogni per il futuro, diventare un’attrice. Alle sue spalle, la numero 43 Giulia Nicole Magro, mentre al terzo posto Giulia Di Quinzio (la numero 59).

A trionfare, quasi a sorpresa, dunque, una mora con gli occhi azzurri, Miss Umbria, appena diplomata all’istituto tecnico turistico ed intenta a fare l’assistente di volo, ammesso che il suo sogno di fare l’attrice non si realizzi prima.

Tirando le somme, quella appena passata sarà un’edizione ricordata in particolare per la presunta presenza di un trans tra le ragazze giunte in finale, voce poi smentita anche in diretta televisiva.

Tra gli addetti ai lavori, invece, è nata una sorta di incomprensione dovuta all’affermazione del capostruttura di RaiUno Antonio Azzalini che, in conferenza stampa aveva definito il concorso delle passate edizioni come “una esposizione di carme”. Ovviamente l’affermazione ha subito prodotto una reazione forte da parte di Patrizia Mirigliani.

Guillermo Mariotto in giuria, non sembra invece essersi comportato egregiamente, almeno da un punto di vista dei voti dati bassini dati alle miss.

Infine, dal punto di vista degli ascolti un po’ di delusione c’è stata sicuramente: dalla prima puntata con il 21,72% alla seconda con il 19,52%, non si può che sperare in una ripresa nell’ultima andata in onda ieri sera.

Foto: La Stampa

Classe 1984, nata a Lecce. Dopo la mia formazione in Media e Giornalismo all'Università di Firenze, ho acquisito esperienze tra Milano e Palermo per poi fare ritorno in Salento. Nasco sul web come blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

COMMENTI