Mi manda Rai tre: l’appuntamento del venerdì con nuovi interessanti casi, dai maghi alla chirurgia plastica, fino alla scoperta di un evasore totale

12/02/2010 di Marco Ceste

Ritorna puntuale, come ogni venerdì in prima serata sulla terza rete Rai, il programma di Vianello “Mi manda Rai tre”.
Come sempre si cercherà di dare voce a chi lamenta torti e ingiustizie, tentando di raddrizzare, per quanto possibile, le varie situazioni, di riportare la legalità negli aspetti più oscuri di vicende che di legale hanno poco.
Cittadini ingannati, liti fra conoscenti e famigliari, rapporti di lavoro che si trasformano in cause da tribunale. Ma soprattutto casi singolari, talvolta divertenti, contrapposti a quelli gravi e dolorosi.
Come quelli che verranno affrontati questa sera.

Il primo mette a confronto due maghi che appartengono a due mondi diversi: lui è Luigi Crespi, guru di tante campagne elettorali ed ex sondaggista di Berlusconi e inventore del famoso contratto con gli italiani. Lei, invece, è la sensitiva Ester, meglio conosciuta al pubblico come la maga dei vip. Tra di loro un contenzioso che gira intorno a un prestito di una somma di denaro non indifferente. Arbitra il giudice di pace Francesco Cersosimo.

Il secondo caso tratta di un evento serio che ha creato molta sofferenza nella vita di una persona: un intervento ricostruttivo rovina per sempre il corpo di una donna. Ma c’è di più, perché oltre al danno, ecco la beffa: le foto dell’operazione sono state pubblicate on-line senza l’autorizzazione della donna, e spacciate per un successo della chirurgia plastica. Una vicende davvero scottante.

Infine l’ultimo caso. Andrea Ghiotto, imprenditore del vicentino, non ha mai presentato la dichiarazione dei redditi, non ha mai pagato l’IVA, eppure guadagna centinaia di milioni. E’ quello che il fisco definisce un evasore totale. Ora è stato scoperto e Mi Manda Raitre è andata a stanarlo. Davvero interessante scoprire come andrà a finire.

Non c’è dubbio, sarà un’altra puntata scoppiettante e interessante, con Andrea Vianello che saprà come sempre usare la sua professionalità, fatta del giusto mix di serietà, competenza e ironia.

COMMENTI