Palinsesti Mediaset, Maurizio Costanzo bacchetta l’azienda che “dimentica” il suo show durante la presentazione

05/07/2021 di Valentina Gambino

Costanzo "bacchetta" Mediaset

Maurizio Costanzo si sta preparando a mettere in piedi una nuova stagione, con l’arrivo della sua quarantesima edizione del “Costanzo Show”, il programma più longevo della storia della Tv e, proprio in merito a ciò, ha voluto lanciare una frecciatina a Mediaset.

Costanzo “bacchetta” Mediaset che non cita il suo show

Il giornalista romano, intervistato su Repubblica, non ha risparmiato una bella frecciatina alla azienda di Cologno in merito al suo storico programma: “Alla presentazione dei palinsesti di Mediaset non è stato neanche nominato”.

Queste, per la precisione, le parole di Costanzo:

Ho avuto l’impressione di aver interrotto il programma perché alla presentazione dei palinsesti di Mediaset non è stato neanche nominato. Mi dispiace perché in autunno festeggerò il quarantesimo anno del Maurizio Costanzo show. Vorrei cominciare con una intervista all’allenatore della Roma Mourinho. Vent’anni fa intervistai Capello, le tradizioni si rispettano.

Maurizio, perdonali, “so’ gggiovani!”.

Il nuovo impegno in Rai

Maurizio Costanzo oltre a Mediaset conduce programmi radio e pubblica il suo punto di vista sulle riviste cartacee. Il giornalista non dimentica la Rai e, proprio per questo motivo, a breve partirà un nuovo progetto con Pino Strabioli:

La data esatta della messa in onda non l’abbiamo ancora. Doveva partire a luglio, credo che slitterà a fine agosto”, spiega “è dedicato a personaggi della cultura e dello spettacolo, che hanno dato moltissimo all’Italia. Persone che ho conosciuto e intervistato più volte, con cui ho avuto un rapporto speciale: al momento sono quattro serate monografiche dedicate a Carmelo Bene, Marcello Mastroianni, Enrico Vaime, e Paolo Villaggio.

Blogger e social addicted. Scrivo di televisione, gossip, cinema e musica. Amo le serie TV, sono dipendente dalla mia barboncina Zooey e vivo in Salento tra sole, mare, vento, amore e arcobaleni.

COMMENTI